Rimini. Borse di studio Skema 2021 per neolaureati del Campus Rimini di UNIBO e la sfida della ripartenza 

Nov 25, 2021

  • Condividi l'articolo

    Borse di studio Skema 2021 per neolaureati del Campus Rimini di UNIBO e la sfida della ripartenza 

    Cinque tesi di ricerca su finanza, economia e turismo degli studenti del Campus di Rimini dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, selezionate per la quarta edizione del Premio Skema. 

    Tre borse di studio post laurea per studenti che propongono analisi innovative e casi di studio sul tessuto produttivo del territorio e della regione. 

    Iniziativa patrocinata e in collaborazione con Uni.Rimini e la sua manifestazione “Cultura d’Impresa”. 

    Rimini, 25 Novembre 2021 – Il Premio Skema arriva alla sua quarte edizione. Il suo obiettivo è aiutare i neolaureati in corsi specializzazione o Master e soprattutto a entrare con successo nel mondo del lavoro. Un appuntamento ormai tradizionale per ragazze e ragazzi arrivati all’ultimo e più importante passo dei corsi di economia del Campus Rimini dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

    Quest’anno sono cinque i lavori selezionati da docenti del Campus e da rappresentanti dello studio di consulenza aziendale riminese Skema. I temi affrontano argomenti quali default di attività di ristorazione causa pandemia, l’impatto di Covid-19 su incoming turistico, l’analisi econometrica delle restrizioni alla mobilità per le misure di distanziamento sanitario. Con loro l’analisi di come un evento sportivo di successo “Rimini Maratona”, possa rilanciare l’economia del produttivo. Infine, un lavoro di segno prettamente finanziario su rapporto regolazioni/provvedimenti antitrust e giganti del web. Le tesi sono state presentate nei corsi universitari di: Amministrazione e gestione d’impresa, Scienze statistiche, finanziarie e attuariali, Economia del turismo e Wellness culture: sport, health and tourism.

    Ai primi tre lavori sono destinate le borse di studio rispettivamente di 1.500, 1.000 e 500 euro, assegnate dopo la valutazione della commissione di esperti del Premio Skema, formata da rappresentati dello studio, di Uni.Rimini e docenti del Campus di Rimini. Per i tre neolaureati anche l’opportunità di svolgere uno stage all’interno di uno dei 6 settori di consulenza e servizi pere aziende e professionisti di Skema.  

    “Rilancio e innovazione del sistema economico, produttivo e finanziario italiano, passano per Next Generation. È questa la direttrice di sviluppo del Paese per i prossimi quattro anni. In quest’ottica abbiamo la necessità di nuove analisi e proposte da offrire al territorio riminese e della Romagna – spiegano Lorenzo Nardella e Andrea Piermartini, entrambi partner studio Skema – dai giovani arrivano spesso punti di vista e osservazioni diverse dal passato e che esprimono indicazioni e riflessioni su criticità e punti di forza su quanto facciamo e quanto dobbiamo migliorare in alcuni settori. È il punto di forza del nostro Premio”.

    “Oggi i riconoscimenti alle migliori tesi di ricerca, hanno ancora più significato rispetto agli scorsi anni. Nel nostro studio più di 90 tra laureati e laureandi hanno svolto stage professionali e 1/3 di loro ha poi continuato a lavorare in Skema. Aprire al merito, riconoscerlo e mettere i giovani nelle condizioni di entrare da protagonisti in imprese e aziende è l’investimento più importante per il futuro di tutta la collettività”, conclude Lorenzo Nardella.

    Nelle foto : premiazione Premio Skema 2020

    XII ° Premio “Cultura d’Impresa” dello studio SKEMA di Rimini, promossa da UNI. Rimini Spa e Campus di Rimini dell’Università di Bologna, Rimini 14 Settembre 2020 – assegnate le tre Borse di Studio a Enrico Pompignoli, Svetlana Romaschchenko e Anna Cimarosti. (Ph © Giorgio Salvatori)

    XII ° Premio “Cultura d’Impresa” dello studio SKEMA di Rimini, promossa da UNI. Rimini Spa e Campus di Rimini dell’Università di Bologna, Rimini 14 Settembre 2020 – assegnate le tre Borse di Studio a Enrico Pompignoli, Svetlana Romaschchenko e Anna Cimarosti. (Ph © Giorgio Salvatori)