Rimini. Cassazione conferma la condanna del direttore del delfinario

Gen 12, 2022

Condividi l'articolo

La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’ex direttore del Delfinario di Rimini, che vi aveva comunque rinunciato, confermando così la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Bologna nel febbraio 2021 rendendo definitiva sia la condanna del dirigente della struttura per maltrattamento di animali e la confisca dei mammiferi, affidati allo Stato come richiesto dalla LAV, senza derubricazione del reato all’Articolo 727 del Codice Penale, ovvero la detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze. La Terza Sezione Penale della Corte d’Appello di Bologna, aveva in parte confermato la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Rimini ad aprile 2019 condannado il direttore a 6 mesi mentre aveva assolto la veterinaria che i giudici riminesi avevano condannato a 4 mesi.