RIMINI. Centri estivi, in pubblicazione il bando per richiedere i voucher per la fruizione dei servizi comunali 3-6 anni nei mesi di luglio e agosto. Da domani al via la raccolta delle domande

Giu 28, 2021

  • Condividi l'articolo

     

    E’ in pubblicazione il bando per l’assegnazione di “voucher” mensili a favore di minori – compresi tra i 3 e i 36 mesi – che frequenteranno, nei mesi di luglio ed agosto 2021, i centri estivi nel territorio comunale di Rimini.

    Si partirà da domani per la raccolta delle domande.

    I requisiti richiesti

    Destinatari del contributo sono minori di età compresa tra i 3 e i 36 mesi con i seguenti requisiti:

    • minore e almeno un genitore residenti nel Comune di Rimini e frequenza nel mese di luglio e agosto 2021 di servizi educativi per la prima infanzia autorizzati con valore Isee non superiore a 35.000,00 euro;
    • entrambi i genitori occupati, comprese le famiglie nelle quali uno o entrambi i genitori siano fruitori di ammortizzatori sociali oppure se uno o entrambi i genitori siano disoccupati e abbiano sottoscritto un Patto di servizio quale misura di politica attiva del lavoro;
    • solo uno dei due genitori sia occupato, se l’altro genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti il nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza, come definiti ai fini ISEE;

    Le domande dovranno essere presentate esclusivamente on-line. Le famiglie che necessitano di assistenza alla compilazione potranno contattare l’Ufficio Diritto allo Studio Via Ducale n. 7, tel. 0541 704752 – 704756 – nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 12,00 – i pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15,00 alle 17,00.

    Alcuni dati

    Sono 190, dieci in più dello scorso anno, i bambini tra i 3 e i 6 anni che quest’estate frequenteranno il servizio di centro estivo organizzato dal Comune di Rimini in quattro scuole di infanzia (Margherite, Lucciola, Rondine e Galeone). In vista dell’imminente apertura delle domande per l’iscrizione, che potranno essere presentate a partire da giovedì 3 giugno, la Giunta comunale ha approvato le nuove rette, che saranno di importo inferiore rispetto allo scorso anno: è prevista infatti una tariffa di 225 euro mensili, contro i circa 330 dello scorso anno, comprensivi di pasto per 6 giorni alla settimana (con un servizio in funzione dalle 8,00 alle 16,00).

    Per favorire l’accesso e la fruizione dei centri estivi, il Comune ha messo in campo diverse azioni e agevolazioni a sostegno in particolare delle famiglie più vulnerabili, a partire dall’assegnazione dei voucher. Negli anni passati erano in media 650/700 le famiglie riminesi che presentavano richiesta di contributo attraverso i voucher, numero che, stando alle richieste di informazioni arrivate finora, sembra quest’anno destinato a crescere. Questo grazie anche all’innalzamento della soglia Isee di accesso stabilita dalla Regione, passata dai 28mila euro dello scorso anno a 35mila euro. Il beneficio massimo concedibile sarà di 112 euro massimo per settimana per un massimo complessivo di 336 euro per bambino.

    Sono previste forme di supporto anche per le famiglie che intendono utilizzare i servizi di nido estivo (0-3 anni). Il Comune infatti ha previsto contributi che vanno dai 250 ai 350 € mensili (per luglio e agosto) rivolti alle famiglie che hanno un ISEE inferiore ai 35.000 euro.

    “Taglio delle rette e una articolata serie di agevolazioni e contributi – spiega Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini – attraverso cui l’Amministrazione vuole promuovere e sostenere l’accesso ai servizi estivi per l’infanzia. Si tratta di interventi rimodulati, in modo da poter di intercettare anche le nuove esigenze emerse durante la pandemia da parte delle famiglie riminesi”.

  • Rimini. Centrodestra, elezioni: Lega pronta a sostenere Barboni

    Rimini. Centrodestra, elezioni: Lega pronta a sostenere Barboni

    Oltre alla candidatura a sindaco di Enzo Ceccarelli, la Lega è pronta a sostenere quella del senatore Antonio Barboni, coordinatore provinciale di Forza Italia. Quindi ad oggi i nomi sono due, Ceccarelli e Barboni. Si attende a questo punto una decisione in modo che...