Rimini: coppia ucraini fermano autobus di linea ed aggrediscono i carabinieri intervenuti. Finiscono in manette

Nella serata dell’8 febbraio i Carabinieri della Sezione Radiomobile di questa Compagnia hanno arrestato per resistenza, violenza, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale nonché per interruzione di pubblico servizio una coppia di cittadini russi, la donna C.N. classe 1980 e l’uomo D.M. classe 1988. I due stranieri segnalati in via XXIII settembre all’altezza di una fermata dell’autobus di linea urbana, che in stato di alterazione psicofisica dovuta da abuso di bevande alcoliche, erano saliti sul mezzo pubblico e stavano importunando e passeggeri tanto che l’autista del mezzo, per salvaguardale l’incolumità pubblica degli atri viaggiatori, è stato costretto a fermare la corsa ed attendere l’intervento dei Carabinieri. I militari, subito giunti sul posto, nel corso della loro identificazione, venivano aggrediti fisicamente con calci e spinte dai due esagitati, nonché minacciati ed insultati in presenza di altre persone. In sicurezza i due alla fine venivano condotti in caserma, consentendo al mezzo pubblico di ripartire nella sua corsa. Durante l’aggressione due dei militari sono stati costretti a ricorrrere alle cure mediche al pronto soccorso di Rimini ove in tarda serata sono stati dimessi con alcuni giorni di prognosi per contusioni varie.

Dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza, stamattina è stato eseguito il giudizio per direttissima, con convalida dell’arresto. La donna è stata sottoposta all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, mentre l’uomo è stato scarcerato in attesa del processo che si terrà a fine marzo c.a..