Rimini. Delitto alla stazione, catturato il killer

Dic 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    Gli inquirenti pare abbiano trovato il responsabile della morte del 74enne filippino che fu ammazzato davanti alla stazione mentre stava aspettando l’autobus. Lo avrebbe ucciso un uomo di 51 anni sempre filippino che con la vittima avrebbe avuto vecchie ruggini a causa della relazione con una donna.

    AGGIORNAMENTO

    Alle prime ore di ieri la Polizia di Stato di Rimini ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere a carico di un cittadino filippino di 51 anni. Quest’ultimo è stato individuato quale presunto autore dell’omicidio di Galileo Landicho, avvenuto nel tardo pomeriggio del 21 novembre scorso nei pressi della stazione ferroviaria cittadina. Il complesso dell’attività investigativa – svolta senza soluzione di continuità sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica – ha consentito di raccogliere importanti indizi di responsabilità a carico dell’indagato.

    Le indagini, condotte dagli agenti della locale Squadra Mobile, in primo luogo, si sono sviluppate a partire da un’analisi minuziosa del profilo della vittima e della comunità di riferimento, attività questa che ha consentito di raccogliere una prima serie di dati rivelatisi poi utili nel prosieguo delle attività.

    Inoltre, l’acquisizione e l’analisi massiva di numerose telecamere di videosorveglianza – effettuate senza sosta sin dai momenti immediatamente successivi al grave fatto di sangue – hanno consentito di ricostruire in maniera certosina tutte le fasi della vicenda, partendo dall’avvicinamento dell’omicida alla pensilina, passando per l’attesa del momento giusto per colpire, sino alla sua fuga a bordo di una bicicletta. Tutto ciò è stato possibile grazie ad un’intuizione degli agenti della Squadra Mobile, che hanno acquisito le immagini registrate dalle telecamere installate sui mezzi del trasporto pubblico in transito ed in sosta nella zona della stazione ferroviaria ed in quelle vicine. Tale attività ha consentito di registrare gli istanti immediatamente precedenti e successivi all’efferato delitto, consentendo altresì di individuare ulteriori telecamere poste lungo l’itinerario di fuga dell’omicida, ricostruire in toto il suo percorso e, quindi, giungere alla sua identificazione.

    In tale ambito, importante è stato il contributo tecnico della Polizia Scientifica, che, operando un’analisi ed una comparazione del complesso delle immagini acquisite, ha fornito ulteriori elementi a sostegno della ricostruzione dei fatti e dell’identificazione dell’indagato quale presunto autore dell’efferato delitto.

    L’indagato, dopo essere stato fermato nelle prime ore del 21.12.2021 e condotto presso gli uffici della Squadra Mobile, ha reso dichiarazioni spontanee circa le proprie responsabilità nell’omicidio, commesso presumibilmente per motivi passionali. Nell’interrogatorio di garanzia svoltosi nella mattinata odierna ha confermato la versione dei fatti fornita nell’immediatezza dell’arresto.