Rimini. E’ caccia al killer di Galileo Landicho: forse gesto di un folle che poteva colpire chiunque

Nov 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    E’ caccia al killer di Galileo Landicho, 74 anni, di professione giardiniere per un importante imprenditore dell’entroterra riminese e consigliere dell’Associazione filippini di Romagna. L’uomo come ormai tristemente noto è stato assassinato da uno sconosciuto con una pugnalata alla gola, domenica sera, davanti alla stazione di Rimini. E mentre sono al vaglio le immagini delle telecamere, si cerca anche un possibile movente per questo efferato delitto. Gli investigatori, al momento, non possono escludere alcuna pista. Si va quindi dall’azione premeditata di un folle che ha colpito la prima persona trovata sulla propria strada, alla “vendetta” per qualcosa detto o fatto dopo un bicchiere di troppo: alcol che, hanno raccontato chi lo conosceva bene, non reggeva troppo. Ma non l’ha mai reso una persona scontrosa. Scartata, invece, l’aggressione a scopo di rapina: a fianco del cadavere è stato infatti recuperato il borsello con all’interno soldi, documenti e cellulare. Le indagini restano serrata dunque e a 360 gradi.