Rimini. EMERGENZA COVID: LA POLIZIA INTENSIFICA I CONTROLLI: SANZIONATI 3 LOCALI DEL CENTRO CITTADINO E 20 PERSONE

EMERGENZA COVID: LA POLIZIA INTENSIFICA I CONTROLLI: SANZIONATI 3 LOCALI DEL CENTRO CITTADINO E 20 PERSONE

 

 

A seguito delle nuove disposizioni di legge del 7 ottobre u.s. che hanno reso obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire il distanziamento, la Questura di Rimini ha intensificato nel fine settimana i servizi di prevenzione nei luoghi del centro cittadino ove si concentra la movida.

 

Nelle due serate di venerdi e sabato, gli operatori della Polizia di Stato e dell’Esercito Italiano, impiegati nel servizio anti-covid, si sono adoperati a richiamare le migliaia di persone che hanno affollato le vie del centro a rispettare le prescrizioni di sicurezza con l’uso delle mascherine e con il mantenimento del distanziamento sociale.

 

Tuttavia, non sempre è stato possibile svolgere attività di prevenzione, e, soprattutto nell’area della Vecchia pescheria, ove la situazione di affollamento e di attenzione alle normali regole di tutela sanitaria era particolarmente compromessa, il personale della Squadra Amministrativa della Questura ha proceduto a sanzionare 3 locali per aver predisposto i tavoli nell’area esterna in modo tale da non permettere il regolare distanziamento tra le sedute, favorendo il contatto tra le persone e l’assembramento tra differenti gruppi di giovani.

 

Inoltre, per uno di questi, sempre ubicato nella zona delle Vecchia pescheria, si rilevava all’interno, in uno spazio insufficiente, la presenza di circa 30 persone, di cui la maggioranza non indossava i d.p.i. e non rispettava il distanziamento interpersonale previsto.

 

Infine, nel corso dei controlli, sono stati contravvenzionati nr. 20 persone per il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione personale mentre si trovavano all’aperto in compagnia di altre persone senza tenere alcun distanziamento.