Rimini. Ex presidente centro antiviolenza prova a patteggiare la pena

Ha patteggiato una pena di due anni e sei mesi di reclusione che dovrà comunque essere sottoposta alla decisione del giudice dell’udienza preliminare che potrà accettarla o meno. Questo il succo dell’accordo raggiunto con la procura dalla ex presidente del centro antiviolenza “Butterfly”. La donna è accusata di avere raggirato un buon numero di vittime di violenza e stalking, che si erano rivolte a lei per avere assistenza e sostegno, sfruttando le loro stesse fragilità, inducendole a pagare dei soldi per ottenere servizi inesistenti, o che lei non era qualificata a svolgere, o, infine, che avrebbero dovuto essere gratuiti.