Rimini. Ha ucciso la nonna con calci e pugni: 44enne infermo di mente finisce in Corte d’Assise

Dic 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    Ha ucciso la nonna con calci e pugni: 44enne infermo di mente finisce in Corte d’Assise. Il processo si aprirà il prossimo 28 febbraio e all’uomo viene contestato l’omicidio volontario aggravato. Si tratta di un atto per ottenere una adeguata misura di sicurezza: non è imputabile, ma deve essere messo in condizioni di non nuocere. Per questo motivo la sentenza porterebbe all’applicazione della misura di sicurezza in via definitiva, ovvero tenerlo all’interno della Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza a Bologna, dove si trova tuttora sorvegliato. I fatti risalgono al 7 gennaio del 2020 quando Una donna di 88 anni, era stata ammazzata dal nipote all’interno della sua abitazione riccionese.

  • Atalanta: Boga atteso domani a Zingonia

    Atalanta: Boga atteso domani a Zingonia

    (ANSA) - BERGAMO, 28 GEN - Jeremie Boga è atteso per domattina al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia, dove dovrebbe prendere parte all'ultimo allenamento settimanale dell'Atalanta.    L'attaccante classe '97, arrivato in prestito con obbligo di...

    Anziano disperso e ritrovato dopo due giorni in ipotermia

    Anziano disperso e ritrovato dopo due giorni in ipotermia

    (ANSA) - PARMA, 28 GEN - Un anziano di 81 anni, non cosciente e in stato di ipotermia, è stato rintracciato questo pomeriggio dai carabinieri a Bazzano, piccola frazione della montagna est della provincia di Parma.    L'uomo si era allontanato da casa...