Rimini: i Carabinieri arrestano un uomo per rapina impropria in esercizio commerciale

Proseguono i servizi di prossimità posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Rimini, al comando del Capitano Sabato Landi, finalizzati alla prevenzione dei reati, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio, al rispetto delle norme in materia di codice della strada nonché al fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti ed alcoliche tra i più giovani. La tipologia dei servizi effettuati, che rientra in una strategia di ancor più imponente azione preventiva messa in atto dal Comando Provinciale alla luce delle ultime disposizioni normative finalizzate a contrastare la diffusione del virus COVID-19, verrà riproposta con ancora maggiore frequenza su tutto il territorio della Provincia, secondo le linee guida impartite dal Comandante Provinciale, Col. Giuseppe Sportelli, al fine di offrire ancor maggiore sicurezza alla cittadinanza ed ai turisti presenti sul territorio.

In particolare, nel corso della serata di ieri giovedì 09 luglio, i Carabinieri della Stazione di Rimini Miramare, guidati dal Maresciallo Pasquale Marinaro, hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di rapina, D. K., 25/enne cittadino senegalese, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia.

L’uomo, dopo essere entrato all’interno di un piccolo supermercato in zona Miramare, ha iniziato ad aggirarsi con fare sospetto tra gli scaffali, guardandosi più volte intorno come a volersi accertare di non essere osservato, insospettendo il personale che, pertanto, decideva di attenzionarlo seguendolo a distanza. Ed infatti l’uomo, dopo essersi assicurato di trovarsi da solo in una corsia, prelevava cinque bottiglie di whisky e le occultava all’interno del proprio zaino. Subito dopo D. K., con fare indifferente, si recava presso le casse con l’intenzione di pagare solo una confezione di filo interdentale. Il titolare del supermercato, che nel frattempo aveva contatto il numero di emergenza 112 richiedendo l’intervento di un equipaggio, intimava all’uomo di consegnare i liquori che aveva all’interno dello zaino ma il malfattore, allo scopo di garantirsi la fuga, lo colpiva con un pugno dandosi alla fuga, venendo prontamente bloccato dai militari operanti che nel frattempo erano giunti sul posto. La merce, dal valore complessivo di circa 50 euro, veniva recuperata e restituita all’avente diritto.

L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato dichiarato in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione di Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Nel corso della mattinata odierna, a seguito di udienza di convalida svoltasi presso il Tribunale di Rimini, l’arresto è stato convalidato ed il giovane è stato sottoposto alla misura cautelare della presentazione alla Polizia Giudiziaria in Novara (ove ha eletto un nuovo domicilio) in attesa del processo.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Rimini rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza in considerazione del fatto che il fenomeno dei reati contro il patrimonio registra dati rilevanti che richiedono un’efficace e costante azione di contrasto al fine di rassicurare la cittadinanza ed incrementare la percezione di sicurezza.

Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri per arginare il fenomeno delittuoso in questione.