Rimini. Latitante ruba birra e vino al supermercato: perquisito gli trovano pure il coltello

Ago 31, 2021

  • Condividi l'articolo

    Latitante ruba al supermercato: arrestato dalla Polizia di Stato

     

     

    Ieri pomeriggio, intorno alle ore 14.30, una Volante della Polizia di Stato è intervenuta presso il supermercato Conad di Marina Centro, per la segnalazione di due persone responsabili di furto. Giunti sul posto gli agenti accertavano che i ladri, un 33enne e un 23enne originari del Marocco, dopo aver prelevato ed occultato in uno zaino diverse lattine di birra e una bottiglia di vino, una volta giunti in cassa, appoggiavano sul nastro trasportatore solamente una lattina. L’addetto alla vigilanza, che non li aveva persi d’occhio e che poco prima aveva visto uno dei due mentre celava nello zaino le lattine, interveniva per un controllo ma il 33enne iniziava a spintonarlo per guadagnarsi la fuga. A pochi metri di distanza veniva fermato dalla Volante che giungeva sul posto immediatamente dopo. I poliziotti bloccavano in sicurezza anche il 23enne che, vistosi ormai braccato, consegnava spontaneamente loro la refurtiva.

    Entrambi sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà, per i reati di furto aggravato il più giovane e per rapina impropria nonché per porto abusivo di arma il 33enne in quanto, nel corso dalla perquisizione, veniva trovato in possesso di un coltello.

    Accompagnati presso gli uffici della Questura, da ulteriori accertamenti è emerso a carico del 33enne un Ordine di Carcerazione emesso dal Tribunale di Genova. L’uomo deve scontare 8 mesi di reclusione per reingresso illegale nel territorio dello Stato. In serata è stato accompagnato presso la Casa Circondariale.

  • Pedopornografia online, arrestate 13 persone in tutta Italia

    Pedopornografia online, arrestate 13 persone in tutta Italia

    Tredici arresti e 21 denunce. E' il bilancio dell'imponente operazione della Polizia, tenuta anche sotto copertura, contro lo sfruttamento sessuale dei minori online. Le accuse nei confronti degli indagati sono di divulgazione, cessione e detenzione di materiale...