Rimini. Lavoro massacrante per pochi spiccioli e degrado: condannato a 4 anni per capolarato

Apr 16, 2021

  • Condividi l'articolo

    Si è beccato una condanna a 4 anni e 4 mesi per caporalato un pachistano, arrestato dalla Squadra mobile di Forlì nel 2020 insieme a tre connazionali. Facevano lavorare nei campi connazionali e afgani per pochi spiccioli, costringendoli a vivere in condizioni di estremo degrado, dormendo in casolari senza acqua calda, su materassi sporchi e mangiando cibo scarso e cucinato giorni prima. Le vittime venivano spedite a lavorare in aziende di Predappio, Castrocaro, ma anche del Riminese e della provincia di Pesaro-Urbino.