RIMINI. L’Energheia di Paola Bianchi per riaccendere il Teatro degli Atti. Sabato 22 maggio il via alle prevendite

Mag 21, 2021

  • Condividi l'articolo

     

    Al via domani le prevendite per lo spettacolo in scena sabato 29 e domenica 30 maggio (ore 19)

    Si intitola Energheia, ad indicare l’atto di trasformazione, il nuovo lavoro di Paola Bianchi che sabato 29 e domenica 30 maggio (ore 19) segnerà la riapertura al pubblico del Teatro degli Atti di Rimini. Domani, sabato 22 maggio inizierà la prevendita per lo spettacolo, che aprirà la serie di appuntamenti riminesi della rassegna E’BAL – palcoscenici per la danza contemporanea, progetto che coinvolge 11 enti tra teatri, festival, associazioni di spettacolo e centri di residenza della Regione.

    Incentrato sulle trasformazioni del corpo, Energheia pone particolare attenzione all’anatomia e alla vicinanza dello sguardo: Paola Bianchi ha chiesto a circa quaranta persone quali siano le immagini pubbliche che anche dopo anni continuano a essere vive nella loro memoria visiva. Immagini simbolo legate ad avvenimenti storici e a personaggi che hanno segnato la cultura occidentale, pezzi di storia fermati su supporto analogico o digitale, un archivio mnemonico personale e condiviso. Immagini che sono entrate nel corpo della danzatrice, deformandolo, modificandone le posture e le tensioni fino a generare “stati del corpo”.

    Biglietti  

    Intero 10 Euro

    Ridotto under 29 e E’ Bal card 5 Euro

    Da sabato 22 maggio alle ore 10 è possibile acquistare i biglietti a prezzo intero collegandosi alla biglietteria online, accessibile dal sito www.teatrogalli.it. Con ogni transazione sarà possibile acquistare 2 biglietti a spettacolo. Per i soli biglietti ridotti è possibile prenotare telefonicamente allo 0541 793811 negli orari: sabato 10 -14, poi da martedì a venerdì 10 -14, martedì e giovedì anche 15 – 17.30.  Per questo spettacolo sono validi i voucher emessi con organizzatore ATER.

    ENERGHEIA  

    coreografia e danza Paola Bianchi

    musiche composte ed eseguite dal vivo Fabrizio Modonese Palumbo

    disegno luci Paolo Pollo Rodighiero

    tutor Roberta Nicolai, Raimondo Guarino

    sguardo esterno Ivan Fantini

    staff scientifico Laura Gemini, Giovanni Boccia Artieri, Annapaola Lovisolo, Alessandro Pontremoli

    progetto di residenza condiviso da L’arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza della Regione Emilia-Romagna; Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro); realizzato nell’ambito del progetto residenze coreografiche Lavanderia a Vapore

    produzione PinDoc

    coproduzione Agar, Teatri di Vetro, Teatro Akropolis

    con il contributo di Mibac e Regione Sicilia.