Rimini. Manifestazioni di protesta, alcune aree città escluse: riunito il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

Nov 11, 2021

  • Condividi l'articolo

    Riunito il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

     

     

    Rimini, 11 novembre 2021

     

    È stato un Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, quello presieduto oggi dal Prefetto, incentrato sull’ultima Direttiva del Ministro dell’Interno inerente lo svolgimento delle manifestazioni di protesta.

     

    Nel corso dell’incontro, cui hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine e l’Assessore per le Politiche alla Sicurezza Urbana del Comune di Rimini, è stata esaminata la situazione del Comune capoluogo ai fini dell’individuazione di specifiche aree urbane sensibili, di particolare interesse per l’ordinato svolgimento della vita della comunità, che possano essere oggetto di temporanea interdizione allo svolgimento di manifestazioni pubbliche per la durata dello stato di emergenza, attesa l’attuale situazione pandemica.

     

    Per i motivi sopra esposti e in ragione della natura di luogo caratterizzato da un notevole afflusso di persone, sul quale insistono sedi istituzionali rientranti nell’elenco degli obiettivi sensibili e in considerazione del valore architettonico e artistico dei palazzi sedi delle citate istituzioni, in via sperimentale fino al 31.12.2021, Piazza Cavour, Piazza Tre Martiri e Piazza Malatesta del Comune di Rimini sono escluse dall’essere destinate a luogo di svolgimento di manifestazioni pubbliche.

     

    Le esclusioni non si applicano:

    • alle funzioni, cerimonie e pratiche religiose e alle iniziative direttamente attinenti alle finalità di culto o promosse dagli organismi associativi delle rispettive comunità religiose;
    • agli eventi, manifestazioni, cerimonie e celebrazioni coorganizzate da enti pubblici.