RIMINI. Proseguono le iniziative per la Giornata della Memoria con la cerimonia ufficiale davanti al monumento “Ai Caduti nei Lager 1943-1945”

 

 

Si è svolto questa mattina, alle ore 10 davanti al monumento “Ai Caduti nei Lager 1943-1945” di via Madrid, la cerimonia ufficiale di commemorazione prevista per il Giorno della Memoria.  Un momento di grande commozione, accompagnato dalle note del ‘silenzio’, suonato dalla tromba dal Maestro Stefano Serafini. Alla solenne commemorazione, davanti al monumento dedicato alle vittime dei lager nazisti e di tutte le prigionie,  erano presenti il Sindaco Andrea Gnassi, il Prefetto di Rimini Giuseppe Forlenza e la Presidente dell’Associazione Nazionale ex internati di Rimini Sonia Tamburini. Una celebrazione svoltasi in forma ridotta rispetto agli altri anni a causa delle limitazioni previste dall’emergenza sanitaria, dove sono mancati gli studenti e degli altri app delle istituzioni e delle altre associazioni combattentistiche e d’arma che solitamente animano e danno vita alla commemorazione.

Proseguono le iniziative per la Giornata della Memoria

Dopo la cerimonia di consegna, avvenuta ieri al Teatro Galli, da parte del Prefetto di Rimini, delle Medaglie d’Onore – concesse a cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti – prosegue il fitto programma delle iniziative previste per “Rimini Città della Memoria 2021”.

Oggi dalle ore 12 è stata inaugurata l’apertura della mostra online (sul sito https://www.cdec.it/) intitolata 1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia, a cura della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica contemporanea CDEC di Milano. La mostra rimarrà accessibile sul sito del CDEC fino al 7 marzo 2021. Al percorso espositivo sulla Shoah italiana sarà affiancato, dal 12 febbraio un approfondimento online di storia locale, La persecuzione antiebraica nel riminese e nell’entroterra, 1938-1944, documenti e immagini riferiti a casi e aspetti concreti, a cura dell’Istituto storico di Rimini.

Nel pomeriggio,  a partire dalle ore 18,  è previstaun’azione civile dedicata a Primo Levi, attraverso la lettura in dieci lingue diverse (italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, ebraico, arabo, russo, cinese, albanese, lingue parlate dalle comunità presenti a Rimini) di Shemà, tratto da Se questo è un uomo, che nel suo celebre incipit, “Meditate se questo è stato”, scolpisce con parole laiche un potente monito sul ritorno della violenza e dell’odio| (video realizzato da DIANE|ilaria scarpa_luca telleschi, pubblicato sulla Radio web del Comune, Rimini O.R.A. Rimini Officina Arte). Il teaser del video è già on line sul canale YouTube del Comune di Rimini questo link https://youtu.be/hvLLOR6iD3c .

Oltre alle presentazioni di libri di testimonianze, albi illustrati per ragazzi o romanzi per la gioventù (di Eugenio Mortara, Daniele Susini, Anna Sarfatti), il calendario di appuntamenti presenta anche un incontro (online) con la storia della presenza ebraica locale Indagine sulla Rimini ebraica. Visita guidata alle tracce ebraiche in città, a cura di Guido Bartolucci,

Francesca Panozzo e Cristina Ravara, domenica 31 gennaio ore 15), 

Lo spettacolo teatrale per il Giorno della Memoria, L’istruttoria, dal testo omonimo di Peter Weiss, regia e adattamento di Dirk Plönissen, prodotto da Mulino Amleto Teatro, andrà in scena al Teatro degli Atti nella primavera 2021 (le date verranno definite non appena il contesto generale consentirà ai teatri di riaprire al pubblico).

Completano il programma diversi appuntamenti radiofonici sul Radio Rimini O.R.A., dal 25 al 31 gennaio, con interviste, trasmissioni storiche e il racconto teatrale sulla memoria del nazismo in Germania, A km. 20. L’efferratezza nella vita quotidiana, di Ute Zimmermann in collaborazione con la Compagnia Korekané.

Il seminario del pomeriggio dal titolo La Shoah in Italia: vittime, carnefici e salvatori. Conoscere la storia per educare alla responsabilità individuale nel presentesvoltosi in streaming ieri pomeriggio e disponibile sul sito della memoria https://memoria.comune.rimini.it/ . Così come anche il video dell’esecuzione di Kaddish di Maurice Ravel, tratto da Deux mélodies hébraïques, per voce e pianoforte, con Arianna Lanci (mezzosoprano) e Luigi Pizzaleo (pianoforte).

Ricordiamo che, entro il 31 marzo  2021, è possibile partecipare alla raccolta delle firme per il progetto di legge di iniziativa popolare “Norme contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”.  Una petizione che è possibile sottoscrivere dal 30 novembre scorso, esibendo un documento d’identità, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico – Front Office in Piazza Cavour 29 ( Telefono: 0541 704704 – Fax: 0541 704157 – Orario: da lunedì a sabato 9-13 / martedì e giovedì anche 14-17 elettorale@comune.rimini.it )