Rimini. Ragazzino residente a San Marino raggirato attraverso videogame: costretto a pagare per ogni partita persa

Mag 5, 2021

  • Condividi l'articolo

    Dopo aver rifiutato di pagare l’ultima scommessa persa, davanti alla minaccia di essere “denunciato” ai genitori, ha deciso di raccontare tutto quanto e di essere lui, attraverso la mamma, a denunciare i due approfittatori. Il protagonista della vicenda, la vittima, è un 15enne. Dall’altra parte un 23enne e un 25enne residenti a Novafeltria, rinviati a giudizio per il reato di circonvenzione di incapace continuata in concorso. Sullo sfondo il noto videogame Fortnite. L’adolescente residente a San Marino sarebbe stato raggirato sin dal luglio del 2019: i due hanno iniziato a spillargli soldi, mettendo in palio premi, per ogni partita giocata, l’acquisto on line di accessori indispensabili per le battaglie, dal costo variabile tra i 5 o 10 euro che il ragazzino pagava col proprio PostPay su un altro conto analogo riconducibile alla coppia. Senonché, di lì a poco, la posta sarebbe aumentata e le scommesse on line sarebbero arrivate a toccare anche 90 euro a sfida. Partita che, ovviamente, non era in grado di vincere dovendo affrontare due avversari coalizzatisi per fregarlo. Dopo l’ennesima scommessa da pagare e l’ennesima minaccia il ragazzino ha raccontato tutto.

    Madrid, Spain – August 15, 2018: Teenager playing Fortnite video game on PC. Fortnite is an online multiplayer video game developed by Epic Games