Rimini. Rapina al Conad: minore si rifiuta di fare nome del complice e dire dove sono finiti i soldi

Mag 3, 2021

  • Condividi l'articolo

    Convalidato l’arresto del minorenne autore della rapina al Conad City di Rimini, messa a segno il 28 aprile scorso. Deve rispondere di rapina pluriaggravata (indossava un passamontagna, era armato di una pistola giocattolo prima del tappo rosso e passamontagna e aveva un complice). Il sedicenne ha ammesso le sue responsabilità, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere quando gli hanno chiesto chi fosse il suo complice e dove fossero finiti i soldi della rapina (settecento euro che il giovane ha consegnato allo sconosciuto, prima di essere catturato). Illustrata la complessità della situazione familiare: un padre ex detenuto in cerca di lavoro con altri figli a carico, la madre andata via di casa, relazioni dei servizi sociali preoccupanti. Una rapina dunque dettata da necessità perché in casa “servono soldi”. Per ora è stato affidato a una comunità di recupero.