Rimini. Riapertura caso Pantani: Procura chiede gli atti secretati all’Antimafia

Nov 25, 2021

  • Condividi l'articolo

    Da quando la procura riminese è tornata per la terza volta sul caso Pantani, nessuna delle rivelazioni fatte nel 2019 all’Antimafia ha trovato un solo riscontro. Ecco perché dopo aver raccolto la dichiarazione di Flavio Miradossa, il pusher del Pirata condannato in via definitiva a 5 anni di carcere, dalla stessa procura hanno chiesto alla Commissione di avere una seconda copia delle dichiarazioni secretate fatte a Roma dallo spacciatore. Il motivo? Vogliono controllare se i fogli arrivati dalla capitale al terzo piano del palazzo di giustizia di Rimini, sono esattamente gli stessi secretati o se per strada si è perso qualcosa di potenzialmente utile per il loro lavoro. Questo perché non è emersa una sola prova allo j’accuse del pusher che all’Antimafia ha “suggerito” di cercare la soluzione sul giallo di Marco Pantani seguendo la traccia dei soldi. Ma quali? Ora alla procura riminese non resta che guardare con attenzione il memoriale di 51 pagine consegnato dai nuovi legali di mamma Tonina, gli avvocati Fiorenzo e Alberto Alessi.

  • Omicron: Australia, primo caso trasmesso localmente

    Omicron: Australia, primo caso trasmesso localmente

        L'Australia ha registrato oggi il primo caso della variante Omicron del coronavirus trasmesso localmente: uno studente di Sydney, che non è mai stato all'estero, è risultato positivo alla variante sudafricana nonostante il divieto imposto dalle autorità...

    Omicron: primo caso alle Hawaii

    Omicron: primo caso alle Hawaii

        Omicron arriva anche alle Hawaii, dove le autorità sanitarie hanno identificato il primo contagio. Un caso è stato registrato anche nella contea di Los Angeles. Con il passare delle ore quindi il numero dei casi di Omicron negli Stati Uniti aumenta. Solo...