Rimini. Rimini: 1 persona arrestata e 6 denunciate a piede libero all’esito di un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato in occasione del San Valentino

Rimini: 1 persona arrestata e 6 denunciate a piede libero all’esito di un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato in occasione del San Valentino.

 

I carabinieri della Compagnia di Rimini nel corso del fine settimana dal 14 febbraio hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla verifica del rispetto il nuovo D.L. n. 2 del 14 gennaio 2021 “ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19”, nonché al contrasto dei fenomeni di microcriminalità, spaccio e uso stupefacenti. Significativi i risultati, in quanto è stata arrestata una persona e altre sei sono state denunciate a piede libero alla locale A.G.. I particolari:

  • i Carabinieri della Sezione Operativa hanno sorpreso un pregiudicato U.E.G.L., classe 1970, di Rimini, sorpreso all’interno di un residence di Bellaria Igea Marina detenere illegalmente oltre 16 grammi di eroina suddivisa in dosi ed altre due dosi di hashish, nonché un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle sostanze stupefacenti.
  • I Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno denunciato a Piede Libero per detenzione illegale stupefacenti, un giovane riminese classe 1992, sorpreso nel tardo pomeriggio di sabato, durante una perquisizione personale e domiciliare, in possesso di 110 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana di ottima qualità.
  • sempre i Carabinieri della Sezione Radiomobile nel corso di un intervento notturno effettuato a Bellaria Igea Marina la notte del 14 febbraio, consentiva di procedere alla denuncia a piede libero di un marocchino classe 1998 sorpreso in via Trau mentre si allontanava dopo aver perpetrato un furto ai danni di una autovettura parcheggiata all’interno della recinzione di una autofficina del luogo. Lo straniero si era impossessato di oltre €90 in contanti e un paio di guanti che sono stati rinvenuti e restituiti agli aventi diritto;
  • i Carabinieri la sezione Radiomobile nel corso di un intervento effettuato in via Mantegazza a Rimini hanno segnalato a piede libero, per possesso di oggetti atti ad offendere un cittadino rumeno, classe 1998, residente a Rimini, poiché nel corso di una discussione generata da futili motivi con alcuni non nazionali, per far valere le proprie ragioni, si era armato di una mazza da baseball. Per lui è scattata la denuncia per possesso oggetti atti ad offendere e la mazza è stata sottoposta a sequestro;
  • anche i Carabinieri della stazione di Viserba, hanno denunciato un giovane riminese, classe 1988, poiché trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama lunga cm. 15;
  • i Carabinieri della Sezione Radiomobile inoltre hanno denunciato in stato di libertà due utenti della strada, entrambi i controllati nel pomeriggio del 14 febbraio e sottoposti al test etilometrico poiché conducevano le rispettive autovetture con modo indeciso e zizzagando, sono risultati positivi con un tasso alcolemico al di sopra dei 1,5 grammi su litro. Per loro è scattata anche la confisca degli automezzi. Nella rete dei controlli effettuata dai Carabinieri della Sezione Operativa del NOR e dai Carabinieri della stazione Viserba nel centro storico e nella zona di Viserba sono stati segnalati alla competente prefettura 3 giovani, rispettivamente classe 2002, 2001 e 1989 poiché trovavi in possesso di modica quantità di sostanza facenti tipo hashish e tipo marijuana.
  • mentre nel centro storico i carabinieri impiegati nei servizi di controllo per il rispetto delle disposizioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza covid-19, hanno identificato identificato 71 persone nonché controllato 4 esercizi commerciali per verificare il possesso dei distanziamenti e dell’uso della mascherina.

Dopo una notte trascorsa in camera di sicurezza, stamane l’arrestato, dopo il rito di convalida dell’atto di fronte l’A.G., è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione presso un ufficio delle FF.PP., nonché del divieto di dimora nel Comune di Rimini, in attesa del processo la cui data è da destinarsi.