Rimini. Salvataggio picchiato da padre di famiglia per avere difeso meduse: aggressore si becca 6 mesi

Dic 22, 2020

  • Condividi l'articolo

    Condanna a 6 mesi, pena sospesa, per un padre di famiglia 39enne accusato di aver picchiato selvaggiamente un bagnino di salvataggio 31enne sulla spiaggia di Torre Pedrera nell’estate del 2018. Il bagnino aveva rimproverato il 39enne che col figlio stava catturando delle meduse in mare per poi tenerle in un secchiello. Un comportamento vietato e, come lo stesso 31enne aveva fatto notare ai due, sarebbe stato passibile di una multa se fossero stati visti dalla Capitaneria di Porto. Fatto sta che il 39enne non aveva gradito tanto da sfasciare il manico in legno di una paletta sulla testa della vittima. Entrambi i protagonisti si erano denunciati reciprocamente ma, alla fine del processo, il Gip ha ritenuto colpevole solamente il 39enne condannandolo anche al risarcimento della vittima e al pagamento delle spese processuali assolvendo il salvataggio perchè il fatto non sussiste.

  • Rimini. Cicloamatore stroncato da infarto

    Rimini. Cicloamatore stroncato da infarto

    Si stava allenando in bici, quando intorno alle 10 di sabato un malore fatale ha colpito un cicloamatore, un 65enne pensionato di Rimini. L'uomo si è accasciato per terra a Villa Verucchio, lungo la ciclabile parallela alla via Casetti.