Rimini. Servizio online per il rilascio dei certificati d’anagrafe e di stato civile: il rilancio della piattaforma web attiva dal 2018 e il rinnovo della convenzione con gli Ordini degli Avvocati e dei Commercialisti

In questi giorni si sono definiti gli atti che prevedono il rinnovo della convenzione per l’utilizzo del servizio online di rilascio certificazioni di anagrafe e stato civile, fra il Comune di Rimini e gli Ordini professionali degli Avvocati di Rimini e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Rimini. Un servizio importante che – a titolo gratuito e senza nessun onere a carico del Comune – consentirà a questi professionisti di entrare nella banca dati dell’anagrafe e gestire le certificazioni per conto dei propri clienti.
La convezione che sarà firmata fra qualche giorno e che durerà per altri 3 anni, è il frutto di un accordo che intende garantire la semplificazione e l’accesso ai certificati secondo i principi previsti dal regolamento anagrafico e quello dello stato civile, due leggi speciali che prevedono che i certificati del comune possano essere rilasciati a chiunque li richieda.
È già attiva infatti – dal luglio 2018, sul sito web del Comune di Rimini alla pagina http://bit.ly/39Z3dLz  – la possibilità per tutti i cittadini di accedere, tramite lo Spid, alla piattaforma on line per il rilascio dei certificati legati alla residenza e allo stato civile. Un sistema che il settore anagrafe del Comune di Rimini intende rilanciare per promuovere la semplificazione, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, e per velocizzare l’accesso a documenti di cui i residenti posso aver bisogno. Negli ultimi 2 mesi sono state quasi 3000 le richieste da parte dei riminesi.
Si tratta della stessa piattaforma a cui adesso gli ordini professionali potranno continuare ad accendere e che – a loro – garantisce anche l’automatico tracciamento delle istanze di certificazione, che è previsto nel caso di richieste di documenti riguardanti terze persone. Una procedura che ha enormi vantaggi sia sotto il profilo della mobilità per il fatto che i cittadini evitano di andare fisicamente negli uffici, sia nell’efficace rapidità e puntualità con cui si ottiene il documento di cui si ha necessità.