Rimini. Si chiude il caso del crocifisso conteso a San Marino: altro che Michelangelo!

Lug 8, 2021

  • Condividi l'articolo

    Si chiude il caso del crocifisso attribuito a Michelangelo: “Non può ritenersi una creazione dell’artista”, ma un manufatto di epoca barocca del valore commerciale compreso fra cinquemila e settemila euro. Questo il responso della perizia disposta dal giudice di Rimini che fa chiarezza sul dubbio principale e chiude di fatto il procedimento in corso. La statuetta lignea di 40,2 centimetri, che si trova ora a San Marino, da sempre di dubbia attribuzione, è da tempo al centro di una lunga contesa giudiziaria attraverso la quale si doveva appurare se l’oggetto dovesse essere restituito al proprietario Angelo Boccardelli oppure confiscato dalla Stato italiano. Per quanto riguarda il Titano finora è restato a guardare: tutto  “congelato” in attesa dell’esito dell’udienza a Rimini, a questo punto scontato. Con tutta probabilità ora restituirà la statuetta lignea al proprietario.

  • Rimini. Centrodestra, elezioni: Lega pronta a sostenere Barboni

    Rimini. Centrodestra, elezioni: Lega pronta a sostenere Barboni

    Oltre alla candidatura a sindaco di Enzo Ceccarelli, la Lega è pronta a sostenere quella del senatore Antonio Barboni, coordinatore provinciale di Forza Italia. Quindi ad oggi i nomi sono due, Ceccarelli e Barboni. Si attende a questo punto una decisione in modo che...