RIMINI. Sostegno alle imprese: esenzione del canone unico per i pubblici esercizi e taglio del 50% per ambulanti, negozi e alberghi. Parere favorevole dalla I Commissione

I pubblici esercizi saranno esenti dal pagamento del canone unico fino al 31 dicembre, mentre taglio del 50% per il canone di alcune tipologie di occupazione del suolo pubblico, come ambulanti, negozi o alberghi.

 La novità è contenuta nella proposta di modifica al regolamento presentata questa mattina in I Commissione Consigliare e rappresenta una delle diverse azioni che il Comune di Rimini metterà in campo nei prossimi mesi a sostegno delle imprese e delle attività colpite dalla crisi legata all’emergenza sanitaria.

Si agirà dunque sul canone unico (cup) – entrato in vigore nel 2021 in sostituzione di TOSAP, COSAP, imposta comunale sulla pubblicità – attraverso due le misure principali:

 

  • l’esenzione dal 1° aprile fino al 31 dicembre 2021 dal canone per le occupazioni temporanee e permanenti effettuate dai titolari di pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che già sono esonerati per legge fino al 31 marzo;
  • una riduzione del 50% dell’ammontare complessivo del canone dovuto per alcune tipologie di occupazione e del canone mercatale: ambulanti, attività commerciali e artigianali ed ogni altra tipologia di occupazione temporanea e permanente come spettacoli viaggianti o alberghi.

 

Un’operazione in scia a quanto già messo in campo lo scorso anno e che interesserà circa seicento tra pubblici esercizi e negozi di Rimini, a cui si aggiungono altrettanti ambulanti, oltre a qualche decina di albergatori che utilizzano le aree pubbliche per i parcheggi. Si tratta quindi di una platea di oltre 1.300 soggetti, a cui il Comune dà un sostegno in prospettiva di una ripartenza. Sempre attraverso questa operazione si prorogherà il termine per il pagamento del canone patrimoniale di concessione relativo alle occupazioni e del canone mercatale al 31 ottobre 2021.

“Quella discussa oggi in Commissione è la prima, consistente, azione di una manovra straordinaria che vedrà il Comune di Rimini investire sulla ripartenza del proprio tessuto di piccole e medie imprese, duramente colpite da una crisi iniziata ormai un anno fa – commenta l’assessore al Bilancio del Comune di Rimini Gian Luca Brasini – Con questo primo atto, a cui ne seguiranno altri che stiamo mettendo a punto, interveniamo sull’ex Cosap, attraverso un’esenzione per i pubblici esercizi che va ad integrarsi col progetto Rimini open space, che visti i i risultati abbiamo rinnoviamo anche per il 2021. A questo si aggiunge il dimezzamento del canone per un’ampia platea di soggetti, prorogando le scadenze alla fine di ottobre. Si tratta solo di una leva su cui il Comune agirà nell’ottica di sostenere in maniera mirata e chirurgica le diverse categorie, che stanno stringendo i denti in attesa di un rilancio che confidiamo potrà avvenire presto”.