RIMINI TRA ECOLOGIA E TURISMO: necessario allontanare l’impianto eolico dalla costa: “Sì a una transizione ecologica veloce ed efficace, ma dobbiamo tutelare anche il nostro paesaggio e le imprese che vivono di turismo”

Lug 13, 2021

  • Condividi l'articolo

    A Rimini si discute da anni della realizzazione di un impianto eolico in mezzo al mare, una scelta che incontra la necessità di investire nell’energia green ma che potrebbe causare una notevole riduzione dei flussi turistici verso la città. Bisogna identificare un nuovo luogo dove realizzare l’impianto.

    RIMINI, Martedì 13 Luglio – Il Senatore Croatti è uno dei parlamentari più attivi sui temi dell’ambiente e della transizione energetica, così come riportato da Repubblica lo scorso lunedì mattina. Proprio per il suo impegno, ha individuato alcune criticità nella proposta per la realizzazione di un impianto eolico costituito da 59 pale da posizionare al largo della Riviera Romagnola. L’investimento, che sicuramente incontra le necessità di promuovere energie green, corrisponderebbe a circa un miliardo di euro, ma comporta dei rischi per la città. Prima di dare l’effettiva approvazione del progetto è necessario garantire che la realizzazione dell’impianto non costituisca un disincentivo al turismo verso la zona.

    La transizione energetica deve essere al centro della nostra agenda politica e, finalmente, tutte le forze del Parlamento hanno iniziato ad interessarsene – dichiara il Senatore Marco Croatti – si tratta del risultato di anni di iniziative in cui anch’io mi sono esposto personalmente. Ciò nonostante, è essenziale realizzare dei progetti che tengano conto di molteplici aspetti: iniziare la transizione è una priorità ma è importante farlo in modo ordinato senza commettere errori e senza dare automaticamente il via libera a tutte le iniziative che ne fanno richiesta.”

    La proposta di un parco eolico industriale lungo le coste della Riviera Romagnola, infatti, rischia di cambiare radicalmente l’orizzonte, mutando il paesaggio costiero, e produrre ripercussioni sulla percezione “green” della costa Romagnola i cui effetti non sono facilmente prevedibili.

    Apprezzo che arrivino proposte in ambito green, ma la realizzazione di un impianto eolico di carattere industriale così vicino alle nostre coste potrebbe comportare costi in termini di turismo, uno dei propulsori dell’economia di Rimini. Promuovere una transizione ecologica è essenziale, ma non possiamo trascurare tutte le realtà, famiglie e imprese, che subirebbero ripercussioni in caso di calo dei flussi turistici. I costi dello spostamento dell’impianto potrebbero essere ammortizzati grazie ai fondi statali per l’energia green, così da dare vita a una soluzione condivisa: sì al parco eolico, ma a una distanza sufficiente da garantire un impatto minimo sul turismo della città.”

  • Incidenti montagna:scout di 12 anni cade per 50 metri, grave

    Incidenti montagna:scout di 12 anni cade per 50 metri, grave

    (ANSA) - TARVISIO, 03 AGO - Uno scout di 12 anni, di San Giovanni di Casarsa (Pordenone), è caduto per una cinquantina di metri lungo il sentiero 518, che dalla Val Romana sale verso la Capanna Cinque Punte, nelle Alpi Giulie. Il ragazzino, politraumatizzato, è sempre...