• Rimini. “Una speranza di futuro”, sabato alle 18 incontro con Giancarla Codrignani

    Condividi l'articolo

     

    Normal
    0

    14

    false
    false
    false

    IT
    X-NONE
    X-NONE

     

    /* Style Definitions */
    table.MsoNormalTable
    {mso-style-name:”Tabella normale”;
    mso-tstyle-rowband-size:0;
    mso-tstyle-colband-size:0;
    mso-style-noshow:yes;
    mso-style-priority:99;
    mso-style-parent:””;
    mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
    mso-para-margin:0cm;
    mso-pagination:widow-orphan;
    font-size:12.0pt;
    font-family:”Calibri”,sans-serif;
    mso-ascii-font-family:Calibri;
    mso-ascii-theme-font:minor-latin;
    mso-hansi-font-family:Calibri;
    mso-hansi-theme-font:minor-latin;
    mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
    mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
    mso-fareast-language:EN-US;}

     

    “Una speranza di futuro”, sabato alle 18 conversazione

    tra l’ex parlamentare Giancarla Codrignani e don Vittorio Metalli

    nella Sala Sant’Agostino di Rimini (via Cairoli, 36)

     

    Il dialogo all’interno dell’esposizione “Una mostra e il suo doppio”

     

     

    (Rimini, 11 agosto 2022) – Prosegue a Rimini nella Sala Sant’Agostino (via Cairoli, 36) “Una mostra e il suo doppio”, l’esposizione curata da Moreno Mondaini della galleria No Limits to Fly.

    All’interno della mostra, dopodomani, sabato 13 agosto alle ore 18, è in programma il dialogo tra Giancarla Codrignani, giornalista ed ex parlamentare, e don Vittorio Metalli, parroco di Sant’Agostino, sul tema “Una speranza di futuro”.

     

    Giancarla Codrignani (Bologna, 1930), docente e giornalista, è stata per tre legislature parlamentare della Repubblica nel gruppo della Sinistra Indipendente. Di area cattolica, esponente della nonviolenza e della pace, da tempo si occupa delle problematiche di genere. Tra le sue pubblicazioni: “Ecuba e le altre. Le donne, il genere, la guerra” (Fiesole 1994), “Le molestie sessuali e l’in-certezza del diritto” (Milano 1996), “Ottanta, gli anni di una politica” (Milano 2010), “Stiano pure scomode, signore” (Roma 2011), “Cerco solo di capire” (Ariccia 2015), “Tacete! Ma davvero? Se le donne potessero predicare” (Trapani 2016).

     

     

    Nella collettiva “Una mostra e il suo doppio” sono esposte le opere di Daniela Albani, Massimo Amanati, Silvana Cardinale, Davide Grassia, Clarita Kuo, Maria Grazia Morri, Maurizio Vitri.

    Si tratta di dipinti, fotografie, sculture che mostrano come «Il nostro combattere non è per sopravvivere bensì per vivere anche se, a pandemia ancora in corso, una guerra ci costringe a richiamare in campo quelle sensibilità, quei linguaggi, che ci hanno aiutato a elaborare quanto stava accadendo in una scacchiera le cui pedine erano le paure, le speranze e la consapevolezza di uno stravolgimento esistenziale difficilmente ricomponibile», spiega il curatore Moreno Mondaini.

     

    La mostra rimane aperta sino al 21 agosto, dal martedì alla domenica, ore 17-20, al mattino su appuntamento (cell. 348 3848074). Ingresso libero.

     

     

    In allegato una delle opere in mostra e una foto di Giancarla Codrignani.

     

     

    Ufficio stampa: Manuela Angelini, cell. 348 2201384, [email protected]