Ristori Covid, il contributo regionale a 2mila taxisti e titolari di NCC dell’Emilia-Romagna: erogati 1,8 milioni di euro

Nov 17, 2021

  • Condividi l'articolo

    taxiOltre 800 euro a testa (827,93) per ogni titolare di licenza taxi e auto di noleggio con conducente come contributo regionale per le perdite subite dalle misure attivate contro la pandemia lo scorso anno.

    È quanto hanno ricevuto nei loro conti correnti in questi giorni circa 2mila (per la precisione, 1.966)  tassisti e titolari Ncc dalla Regione Emilia-Romagna in risposta al bando aperto nel maggio scorso e finanziato con 2 milioni di euro del bilancio 2021 nel quadro delle risorse messe a disposizione da viale Aldo Moro per le imprese e le attività più colpite dai lockdown del 2020 contro la diffusione del Covid-19.

    Considerate le ultime domande in corso d’approvazione, saranno liquidati oltre 1,8 milioni di euro.

    Il bando regionale, aperto dal 24 marzo al 4 maggio, era indirizzato a una platea di circa 3mila persone. Tra i requisiti previsti per  ottenere il bonus: la titolarità di licenza di taxi e/o di autorizzazione di noleggio con conducente di autoservizi pubblici non di linea – anche ricevuta da conferimento in cooperativa di produzione e lavoro -, il rilascio delle licenze/autorizzazioni da parte dei Comuni della Regione Emilia-Romagna o da soggetti da essi delegati e la validità della licenza/autorizzazione compresa nel periodo 8 marzo 2020 – 31 dicembre 2020 limitatamente ai periodi effettivi di titolarità.

    La domanda doveva essere presentata dal titolare della licenza/autorizzazione o, in caso di conferimento a cooperativa di produzione lavoro, dal legale rappresentante dell’impresa a cui la licenza/autorizzazione è stata conferita.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Green pass falsi su Telegram, scoperti autori truffa

    Green pass falsi su Telegram, scoperti autori truffa

    (ANSA) - ROMA, 27 NOV - Proponevano sulle chat di Telegram green pass perfettamente funzionanti, in vendita a cento euro l'uno. La truffa è stata scoperta dal Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza in un'indagine coordinata dalla...