Romaeuropa: festival testimonianza di incontro e dialogo

Mag 10, 2022

  • Condividi l'articolo

     Torna, dopo i due anni di pandemia in cui comunque non si è mai arrestato e ha cercato, per quel che è stato possibile, di confermare con la presenza di artisti stranieri la sua vocazione internazionale, il Romaeuropa Festival, annunciando gli 80 spettacoli in programma per un totale di 155 repliche in 18 spazi romani diversi dall’otto settembre al venti novembre 2022. L’apertura sarà affidata alla danza con quattro appuntamenti successivi, con nomi che vanno da Emio Greco a Sasha Waltz e Anne Teresa De Keersmaeker e musicisti quali Stefe Reich, Terry Riley e l’assolo di Olafur Arnalds, mentre la chiusura vedrà la riproposta integrale di un classico della seconda metà del Novecento, ‘Einstein on the beach” di Philips Glass con Suzanne Vega, L’Ictus Ensemble e il Collegium Vocale Gent, confermando la grande attenzione al contemporaneo e al nuovo senza dimenticare il rapporto col passato, come ricorda il direttore artistico del Festival Fabrizio Grifasi.
        Un programma quindi molto ricco, che intitola le sue diverse parti ‘Dialogo’, con la Storia, col Presente, col Futuro, tra Generazioni e, grazie a progetti di sostenibilità e solidarietà, col Pubblico, affiancando al cartellone principale altre varie sezioni, da ‘Digitallive’ a cura di Federica Patti che intreccia arti performative e culture digitali esplorando i nuovi territori virtuali, a ‘Line Up’ sulle nuove sonorità urbane, ‘Dancing Days’ sulle novità della nuova scena coreografica italiana e europea, Anni luce’ che sostiene le nuove proposte della scena teatrale italiana under 30, sino al programma ‘Kids’ per i più piccoli e le loro famiglie.
        Tra i tanti nomi in programma James Thierrée col suo teatro musicale; Bartolin/Baronio con i loro esercizi sull’abitare, la danza di Jan Martens; Milo Rau col suo nuovo spettacolo sul tema del lutto e del valore della memoria; Ben Frost con la sua ricerca musicale elettronica; il Berliner Ensemble che ritorna e propone ”L’opera da tre soldi” di Kurt Weill e Bertolt Brecht con la regia di Barrie Kosky; Renato Sarti che, nel centenario della Marcia su Roma, rievoca i fatti che portarono il fascismo al potere; Francois Sarhan con le sue musiche nell’interpretazione visiva di William Kentridge. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. La città piange Alberto Pietrelli: aveva 69 anni

    Rimini. La città piange Alberto Pietrelli: aveva 69 anni

    E' scomparso ieri mattina Alberto Pietrelli all'età di 69 anni. È stato assistente parlamentare del senatore Giampaolo Bettamio, segretario del gruppo consiliare di Forza Italia in Comune e in Provincia, capogruppo di Forza Italia del Quartiere Uno (Marica centro)....