Romagna. Fiobromialgia, Morrone, Raffaelli e Marchetti (Lega): essenziale diagnosi precoce, percorsi per medici di famiglia

Feb 17, 2021

  • Condividi l'articolo

    FIBROMIALGIA. MORRONE, RAFFAELLI E MARCHETTI (LEGA): ESSENZIALE DIAGNOSI PRECOCE, PERCORSI PER MEDICI DI FAMIGLIA

    Forlì, 17 febbraio. “Sulla fibromialgia siamo in estremo ritardo. Sollecitiamo la Regione Emilia-Romagna a promuovere percorsi formativi per i medici di medicina generale in modo da migliorare la competenza per una diagnosi precoce della patologia”.
    Lo affermano in una nota i parlamentari Jacopo Morrone e Elena Raffaelli e il consigliere regionale Daniele Marchetti.
    “Risale al 2009 la richiesta da parte del Parlamento europeo alla Commissione e al Consiglio di organizzare una strategia comunitaria per il riconoscimento della fibromialgia come patologia e di incoraggiare gli Stati membri a migliorare l’accesso alla diagnosi e ai trattamenti, promuovendo una raccolta dati. Tuttavia l’attività della nostra Regione per il riconoscimento della fibromialgia come patologia sembra essersi fermata al 2018, con la produzione delle ‘Linee di indirizzo per la diagnosi e trattamento della Fibromialgia’. Servono, al contrario, una campagna di sensibilizzazione, l’istituzione di una commissione tecnica su questa patologia e la creazione di specifici centri di riferimento ospedalieri. A livello nazionale la sindrome non rientra nell’elenco delle malattie croniche per le quali è prevista l’esenzione dalla compartecipazione alla spesa sanitaria, nè risulta definito e condiviso uno specifico percorso assistenziale. Di qui, il senso di abbandono da parte dei pazienti, accresciuto dall’emergenza Covid che ha impedito loro di essere sottoposti a visite e prestazioni sanitarie a causa della sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti”.

    Ufficio Stampa Lega Romagna

  • Green Pass: quesito Piemonte al Garante della Privacy sugli esercenti

    Green Pass: quesito Piemonte al Garante della Privacy sugli esercenti

    La Regione Piemonte ha scritto al Garante Nazionale della Privacy "per avere conferma che agli esercenti privati non possano, e non debbano, essere attribuite funzioni tipiche dei pubblici ufficiali". Lo rende noto l'assessore regionale agli Affari legali, Maurizio...

    Denunciate 247 badanti, non dichiarati redditi per 9 milioni

    Denunciate 247 badanti, non dichiarati redditi per 9 milioni

    (ANSA) - GENOVA, 05 AGO - La Guardia di Finanza di Savona ha scoperto 247 badanti che non hanno presentato la prevista dichiarazione dei redditi a fronte di cospicui guadagni percepiti per la loro attività. Si tratta di collaboratrici domestiche straniere, in...