• Salman Rushdie, maratona letture a un mese da attentato

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 12 SET – A un mese dall’attentato a Salman
    Rushdie, aggredito il 12 agosto a New York mentre stava tenendo
    una conferenza, viene dedicata all’autore dei Versi Satanici una staffetta di solidarierà di scrittori e giornalisti,
    organizzata da Libri Come all’Auditorium Parco della Musica di
    Roma. Sarà una maratona di letture a ingresso libero, dedicata
    all’opera di Rushdie, alla libertà della scrittura e al potere
    dei libri a cui parteciperanno, la sera del 12 settembre,
    Edoardo Albinati, Pierluigi Battista, Annalisa Camilli, Gaja
    Cenciarelli, Leonardo Colombati, Michele De Mieri, Paolo Di
    Paolo, Amir Issaa, Jhumpa Lahiri, Melania Mazzucco, Romana
    Petri, Stefano Petrocchi, Daniele Pittèri, Rosa Polacco, Igiaba
    Scego, Marino Sinibaldi, Elena Stancanelli e Sandro Veronesi.
        Oltre a brani dalle opere di Rushdie, verranno letti testi
    dimenticati come quello scritto da Sandro Veronesi più di
    vent’anni fa, dopo la condanna a morte, nel 1989, dello
    scrittore da parte dell’ayatollah Khomeini; un pezzo di Margaret
    Atwood per il Guardian, mai tradotto in italiano e un brevissimo
    brano di 8 righe, scritto recentemente da Rushdie per il Pen
    Club Americano sulla situazione in India , a 75 anni
    dall’indipendenza, letto dalla scrittrice Jhumpa Lahiri, sua
    grande amica.
        “Salman è una persona estremamente generosa, che ha sempre fatto
    di tutto per proteggere gli scrittori vulnerabili in tutto il
    mondo. Il brevissimo testo per il Pen è un commento su quello
    che sta succedendo. Parla delle sue frustrazioni, della nostra
    delusione collettiva per tutte le libertà che stiano perdendo.
        L’idea di un India che non corrisponde più a quella di 75 anni
    fa” spiega all’ANSA la Lahiri.
        Nella ‘Lettera luterana agli intellettuali italiani sul caso
    Rushdie’, Veronesi scriveva: “Cari intellettuali italiani, poco
    prima, su ‘La Repubblica’, Guido Almansi vi aveva accusato di
    avere snobbato la condanna a morte di Rushdie: è questa la
    vostra risposta? Qualcuno, è vero, ha sottoscritto un appello
    contro quella condanna, ma parecchi di voi continuano a
    ostentare posizioni insostenibili, e contro di esse non c’è mai
    nessuno che protesti, col risultato che alla fine sul caso
    Rushdie la cultura italiana si distingue davvero per la stessa
    identica ‘civile indifferenza’ manifestata dal Vaticano”.
        Dai Versi Satanici leggeranno Marino Sinibaldi e Annalisa
    Camilli. Da Joseph Anton, Leonardo Colombati, Romana Petri e
    Igiaba Scego. Elena Stancanelli proporrà l’incipi di’Figli
    della mezzanotte , Michele De Mieri un testo dal ‘Il mago di Oz’, Stefano Petrocchi da ‘La caduta
    dei Golden’.
        La prossima edizione di Libri Come, a cura di Michele De
    Mieri, Rosa Polacco e Marino Sinibaldi, sarà all’Auditorium
    Parco della Musica di Roma Ennio Morricone dal 24 al 26 marzo
    2023. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte