• Saman: arresto del padre, si lavora per canali diplomatici

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 16 NOV – Si lavora attraverso canali
    diplomatici per valutare come notificare a Shabbar Abbas il
    mandato di cattura internazionale emesso per l’omicidio della
    figlia Saman, scomparsa da Novellara (Reggio Emilia) la notte
    del 30 aprile 2021 dopo che aveva rifiutato un matrimonio
    combinato. Il padre della 18enne, come riferito ieri sera dalla
    trasmissione ‘Quarto Grado’ è stato arrestato in Pakistan, dove
    era fuggito con la moglie il primo maggio 2021, per una frode ai
    danni di un connazionale. La moglie Nazia Shaheen risulta ancora
    a piede libero.
        I due sono entrambi rinviati a giudizio a Reggio Emilia, in
    seguito alle indagini di Procura e carabinieri che li accusano
    di sequestro di persona, omicidio e soppressione di cadavere in
    concorso con altri tre parenti, uno zio e due cugini di Saman
    che invece si trovano in carcere in Italia. Nei confronti dei
    due coniugi latitanti l’allora ministra della Giustizia Marta
    Cartabia aveva firmato la richiesta di estradizione. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte