• Sbarcati 822 migranti in 24h. Meloni: ‘Basta con la spola degli scafisti’

    Condividi l'articolo

     Su pescherecci e barchini, nelle ultime ventiquattro ore 822 migranti sono sbarcati sulle coste siciliane. Altri 85 invece arriveranno nelle prossime ore al porto di Taranto a bordo della Geo Barents di Medici Senza Frontiere ed è proprio su quest’ultimo sbarco che si accendono i riflettori con l’incognita delle sanzioni: la nave è la prima prima di una Ong ad aver operato un salvataggio dopo l’approvazione del cosiddetto decreto sulle Organizzazioni non governative, adesso in vigore, che stabilisce un nuovo codice di condotta sulle attività di salvataggio in mare da parte di queste ultime.
        Sul provvedimento è tornata in queste ore la premier, Giorgia Meloni, che su Instagram scrive: “è finita l’Italia che si accanisce con chi rispetta le regole e fa finta di non vedere chi le viola sistematicamente”. Il diritto internazionale – ha commentato la presidente del Consiglio – “non prevede che ci sia qualcuno che può fare il traghetto nel Mediterraneo o in qualsiasi altro mare e fare la spola per trasferire gente da una nazione all’altra”.

    Migranti, Meloni: ‘Ecco le nuove regole, basta spola con gli scafisti’

        Nel caso di violazione delle norme introdotte dal provvedimento, sono previste multe fino a 50mila euro, oltre al sequestro o anche la confisca in caso di reiterazione. Tra le “condizioni” dettate dal decreto c’è quella di “avviare tempestivamente iniziative volte a informare le persone prese a bordo della possibilità di richiedere la protezione internazionale e, in caso di interesse, a raccogliere i dati rilevanti da mettere a disposizione delle autorità”: un modo per poter indirizzare la domanda di ospitalità direttamente al Paese di cui la nave batte bandiera.
        La prima imbarcazione di una Ong ad attraccare con il decreto in vigore è la Geo Barents di Medici Senza Frontiere, che ha effettuato un primo salvataggio su richiesta del Coordinamento del soccorso marittimo, recuperando 41 persone per poi farne salire altre 44 in un successivo trasbordo da una nave mercantile, sempre su richiesta delle autorità italiane. La Geo Barents si era poi diretta verso un’ulteriore meta di soccorso dopo la segnalazione da parte di Alarm Phone di un’imbarcazione in pericolo, ma non avrebbe trovato imbarcazioni né eventuali naufraghi. “Come abbiamo sempre fatto, il team di Msf a bordo ha dato ai sopravvissuti tutti materiali dell’Unhcr per fare domanda d’asilo”, spiega l’organizzazione umanitaria. Nelle prossime ore la nave sarà al porto di Taranto. Fra quanti scenderanno nella città pugliese, anche i testimoni di scene agghiaccianti: “Un ragazzo ci ha raccontato di aver visto con i propri occhi persone essere uccise davanti a lui perché non avevano abbastanza soldi per pagare il viaggio”, ha detto Fulvia Conte, responsabile dei soccorsi a bordo della Geo Barents, sottolineando che “questa è la realtà di quello che avviene in Libia, di quello che avviene nel Mediterraneo centrale in cui ogni momento è importante tra la vita e la morte”.
        Altri salvataggi sono stati effettuati nell’arco di poche ore al largo della Sicilia, dove un peschereccio con a bordo circa 546 migranti è stato intercettato e soccorso da motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza a circa 26 miglia dalle coste di Siracusa. I naufraghi sono stati fatti trasbordare sui mezzi navali italiani e trasferiti nei porti di Messina (196), Catania (198) e Roccella Ionica (152). A distanza di circa due ore, dopo un’operazione di soccorso in mare compiuta a circa 20 miglia di distanza dalla costa ionica reggina dalla Guardia di finanza, nello scalo marittimo roccellese sono giunti altri 78 profughi. Altri arrivi si erano verificati a Lampedusa poco prima: in 198 sono sbarcati a Lampedusa e a soccorrere cinque barchini sono state ancora le motovedette italiane. L’hotspot dell’isola resta sovraccarico e sono stati disposti almeno duecento trasferimenti.
        Non ci sono solo rotte del Mediterraneo. Un aumento esponenziale degli ingressi di migranti alla sola frontiera di Trieste, dai 1.194 degli ultimi tre mesi del 2021 ai 5.690 dello stesso periodo relativo al 2022, secondo i dati diffusi dal Prefetto di Trieste. I numeri comprendono i rintracci di immigrati entrati illegalmente in Italia e coloro che si sono presentati spontaneamente alle forze dell’ordine una volta entrati nel territorio nazionale.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte