• Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev, ci sono gli eroi di Azovstal

    Condividi l'articolo

    Un totale di 215 difensori dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, ultima roccaforte ucraina nell’area, detenuti dai russi, sono stati liberati nell’ambito di un massiccio sforzo per lo scambio di prigionieri. Lo ha detto il capo dell’ufficio del presidente, Andriy Yermak, secondo quanto riferisce Ukrinform. “Il presidente Volodymyr Zelensky ha fissato un obiettivo chiaro: riportare i nostri eroi a casa. Il risultato: i nostri eroi sono liberi”, ha scritto su Facebook il capo dell’ufficio del presidente Andriy Yermak. “C’è stato un grande scambio di prigionieri. Ha attraversato diverse fasi e in luoghi diversi. Abbiamo riportato indietro 215 persone dalla prigionia russa”, ha detto il capo dell’ufficio del presidente. “Si tratta di soldati, guardie di frontiera, poliziotti, marinai, guardie nazionali, truppe delle forze territoriali, doganieri e civili. Tra loro ci sono ufficiali, comandanti, eroi dell’Ucraina, difensori dell’Azovstal e militari in stato di gravidanza”, ha affermato in una dichiarazione. Sono quelli “che i russi volevano uccidere, che chiamavano” nazisti “, il nostro popolo forte che non è stato distrutto da battaglie e prigionia”, compresi i massimi comandanti delle unità che difendevano Mariupol.

    I leader del battaglione Azov che per settimane hanno difeso l’acciaieria Azovstal di Mariupol – il comandante Denis Prokopenko “Redis” e il suo vice Svyatoslav Palamar “Kalina”, sono tra i prigionieri rilasciati dalla Russia. Lo ha reso noto il comandante delle forze speciali ucraine Sergey Velichko che ha pubblicato su Telegram una foto con Redis e Kalina. Lo riporta Ukrainska Pravda. Oltre a Prokopenko e Palamar, è stato liberato anche il comandante della 36ma brigata marina, il maggiore Sergei Volyn. Nella foto pubblicata con loro compaiono anche il capo della direzione principale dell’intelligence Kirill Budanov e il ministro dell’Interno Denis Monastyrsky. L’ex comandante dell’Azov Andrey Biletsky ha scritto sui social: “Ho appena parlato al telefono con Radish, Kalina, tutti hanno uno spirito combattivo e sono persino desiderosi di combattere. Un’altra conferma che Azov è di acciaio. Adesso i ragazzi sono già liberi, ma in un Paese terzo. Rimarranno lì per un po’, ma la cosa principale è già accaduta: sono liberi e vivi”. In una foto pubblicata sul sito della radio ufficiale ucraina Suspline si vede Palamar sorridente mentre parla al telefono.

    Ucraina, Zelensky saluta i 5 ‘eroi di Azovstal’ scambiati con 55 prigionieri russi

    Anche il ministero della Difesa russo ha confermato che sono 55 i soldati russi e delle autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donetsk rilasciati nell’ambito dello scambio di prigionieri con l’Ucraina. Lo riferiscono le agenzie russe.  Arriva anche dal leader dell’autoproclamata repubblica del Donetsk Denis Pushilin la conferma che l’oligarca ucraino filorusso Viktor Medvedchuk è tra i prigionieri rilasciati da Kiev nello scambio di ieri con Mosca. “Abbiamo scambiato un fan della Russia con oltre 200 soldati. Non è un peccato dare Victor Medvedchuk in cambio di veri guerrieri: ha già fornito all’Ucraina tutto ciò che è necessario per stabilire la verità nei procedimenti penali in corso su di lui”: ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky commentando la liberazione dell’oligarca ucraino filorusso Medvedchuk nello scambio di prigionieri con Mosca. “All’inizio, ci è stato offerto di restituire 50 dei nostri in cambio di uno solo di quelli che si trovavano nel centro di detenzione preventiva del Servizio di sicurezza dell’Ucraina (Medvedchuk). Abbiamo parlato, insistito, il numero di 50 è cresciuto fino a 200 …”.

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condiviso le fotografie dei militari ucraini che sono stati rilasciati dalla Russia nel più grande scambio di prigionieri dall’inizio della guerra. In un post su Telegram, Zelensky ha scritto: “Nostri. Liberi. Continuiamo a lavorare per riportare a casa tutti gli ucraini dalla prigionia russa. Gloria all’Ucraina”
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte