Sileri: ‘Addio all’obbligo di mascherina dal 15 giugno ma è sempre utile’

Giu 9, 2022

  • Condividi l'articolo

    Sì “all’addio amministrativo” dell’obbligo di mascherina dal 15 giugno ma resta “utile” nel senso di tenerla in tasca in caso di assembramenti. Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri a SkyTg24. “La mia idea – dice – è di poter eliminare la mascherina e lasciarla fortemente raccomandata” in caso di situazioni a rischio. Ma vista la situazione dei contagi “un’eliminazione completa della mascherina è auspicabile non vedo grossi problemi all’orizzonte”, e se la nuova sottovariante Omicron non determinerà un aumento di ricoveri “siamo tranquilli”. Su alcuni mezzi, dice Sileri, si potrebbe prevedere un”modesto prolungamento”. Rispondendo alla domanda se il Governo arriverà dopo il 15 a togliere la mascherina dappertutto tranne che nei mezzi di trasporto, Sileri ha risposto: “Credo proprio di sì. Io personalmente porto avanti questa idea” salvo che da qui al 15 giugno i contagi non siano 3-4 volte quelli di oggi ma la vedo praticamente improbabile”.

    Anche se si potrà determinare un leggero aumento dei contagi per la sottovariante di Omicron, la BA.5, come sta avvenendo in altri Paesi, ma i vaccini sembrerebbero proteggere anche da quest’ultima variante. Ciò non toglie, dice Sileri “che più avanti, a settembre, ottobre e novembre, faremo i conti con quello che ci sarà ma con la vaccinazione abbiamo messo davvero all’angolo il virus” e i vaccini ci porteranno in maniera naturale alla convivenza con il Sars-CoV-2 come abbiamo convissuto con tanti altri virus “che in ogni ogni stagione determinano ondate epidemiche”. Il 2022 è l’anno della transizione, prosegue il sottosegretario, e credo che il prossimo anno “saremo veramente tranquilli”. Quello che servirà è “un’opera di vaccinazione raccomandata per determinate fasce di età e possibilmente con un vaccino aggiornato e la scienza ci sta già indicando questa opportunità di un vaccino aggiornato che va a funzionare al meglio sulle varianti oggi circolanti”.

    Intanto contro le Circolari ministeriali che hanno stabilito che per accedere ai seggi e votare domenica prossima la mascherina resta “fortemente raccomandata”, si è scagliato il Comitato Promotore Giustizia Giusta, associazione promossa dal Movimento politico “Lega per Salvini Premier” e dal “Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito”, con il deposito nella serata di ieri di un ricorso al Tar del Lazio. Visto l’approssimarsi delle elezioni, è stata chiesta una decisione cautelare urgente monocratica; non è escluso che già in mattinata possa esserci la pubblicazione del provvedimento.

    La decisione presa ieri dai ministeri della Salute e dell’Interno sulle mascherine ai seggi elettorali per l’election day del 12 giugno “nasce su una evidenza scientifica di attuale circolazione del virus, e noi in questo momento stiamo andando molto bene” dal punto di vista dei contagi, “che per quanto riguarda le imminenti elezioni consente una raccomandazione forte dell’uso della mascherina. È chiaro che il mio consiglio è se si va a votare, e spero che siano in molti, e si crea un assembramento, la mascherina è una sicurezza in più”. Invece sulla mascherina a scuola “il Tar si basa sul diritto amministrativo”. Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri a Skytg24 sottolineando che il trend Covid “è ormai è stabilizzato verso il basso quindi se mi si chiede se a ottobre ci sarà la mascherina a scuola, per come stanno le cose penso proprio di no”.

       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Covid: in Emilia-Romagna quasi 5mila casi e tre morti

    Covid: in Emilia-Romagna quasi 5mila casi e tre morti

    (ANSA) - BOLOGNA, 26 GIU - Continuano a crescere, in Emilia-Romagna, sia i contagi da Coronavirus, sia i ricoverati per patologie correlate. Si contano ancora tre morti, tutte donne, fra le quali una 56enne in provincia di Ferrara.    Nelle ultime 24...