Spagna: governo Sánchez approva l’aumento del salario minimo

Set 28, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – MADRID, 28 SET – Il governo di centrosinistra
    spagnolo ha approvato in Consiglio dei ministri due misure di
    carattere sociale indicate come priorità dallo stesso premier
    Pedro Sánchez: si tratta dell’aumento di 15 euro del salario
    minimo, che d’ora in avanti sarà di 965 euro, e della proroga
    della cassa integrazione Covid fino al 28 febbraio 2022.
        La prima di queste due misure è stata adottata senza il
    consenso della Ceoe (la Confindustria spagnola), mentre la
    seconda ha ricevuto l’ok del governo dopo esser stata discussa e
    approvata sia dagli imprenditori che dai sindacati.
        Come spiegato in conferenza stampa dalla vicepremier e
    ministra del Lavoro Yolanda Díaz e dal ministro della Previdenza
    sociale José Luis Escrivá, la proroga della cassa integrazione,
    che entrerà in vigore a partire dal primo novembre, prevede che
    le imprese che offriranno formazione ai loro dipendenti in cig
    ottengano maggiori esenzioni fiscali.
        Il governo ha inoltre approvato oggi il prolungamento fino al
    28 febbraio 2022 di aiuti straordinari per le partite Iva le cui
    attività sono state colpite dall’emergenza Covid. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte