Sprint finale alla Cop26 ma Cina e Russia frenano

Nov 13, 2021

  • Condividi l'articolo

    di Stefano Secondino 

    Il rush finale è cominciato. La Cop26 vuole chiudere con un risultato storico, una serie di impegni dei paesi per tenere il riscaldamento globale sotto 1 grado e mezzo. Ma la strada è in salita. Prima del rush notturno i dossier più spinosi erano ancora aperti: su mercato del carbonio, trasparenza e Paris Rulebook un accordo non c’era. La presidenza britannica vuole arrivare con un documento definitivo, per farlo approvare nella notte. Ma Cina e Russia contestano l’ultima bozza diffusa stamani, e i giochi sono ancora aperti.

    La giornata a Glasgow è cominciata alle 7:13 con la pubblicazione della seconda bozza del documento finale, con le osservazioni fatte ieri dai ministri dei paesi partecipanti. Rimangono l’obiettivo di stare sotto 1,5 gradi, il taglio del 45% delle emissioni al 2030 rispetto al 2010, e zero emissioni nette intorno alla metà del secolo. Rimane anche l’impegno ad aggiornare nuovamente gli impegni di decarnbonizzazione entro la fine del 2022.

    Di nuovo c’è che il documento sollecita i paesi ricchi a raddoppiare entro il 2025 i fondi per gli aiuti ai paesi più vulnerabili, Tuttavia, dalla seconda bozza sparisce il termine del 2023 per istituire il fondo di aiuti da 100 miliardi all’anno. Il fondo va fatto, ma nessuno si prende impegni troppo stretti. Ma i problemi veri sono altri. Nella seconda bozza, i paragrafi su Paris Rulebook e trasparenza sono vuoti. Il primo è l’insieme di regole per mettere in pratica l’Accordo di Parigi, il secondo è il “reporting format”, cioè le norme comuni con le quali gli stati comunicano i progressi fatti nella decarbonizzazione.

    Non sono questioni tecniche e secondarie. Le regole per decarbonizzare pongono vincoli stringenti agli stati. Per Usa e Ue, che hanno le tecnologie per le energie pulite, non è un problema porsi obiettivi rigidi. Anzi, è un incentivo alla riconversione industriale verde. Ma per un paese emergente come la Cina, o uno che vive di idrocarburi come la Russia, norme di decarbonizzazione troppo dure sono un danno economico. E poi c’è il dossier dell’articolo 6 dell’Accordo di Parigi, quello che prevede il mercato globale del carbonio. In pratica, una tassazione delle emissioni, come l’Ets della Ue, con la possibilità per chi emette meno di vendere le sue quote di emissioni a chi emette di più.

    Alle 10 ora locale (le 11 in Italia) si terrà una plenaria informale per illustrare la bozza. Il presidente della COP26 Alok Sharma prevede una plenaria formale nel pomeriggio per approvare il documento finale e chiudere la conferenza in giornata.

        
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - Lunedì sono riprese a Vienna le trattative tra Iran, Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia, Cina, e indirettamente gli Usa, per cercare di riattivare l'accordo, dopo oltre cinque mesi di sospensione seguiti all'elezione a presidente in...