Stivali e pale, in campo ‘gli angeli del fango’

Condividi l'articolo

Gli “angeli del fango” marchigiani hanno il volto giovane e pulito di Jonathan, Alexandra, Francesca, Michele, Matteo e di tante altre ragazze e ragazzi che da stamani sono scesi in strada per rimuovere il disastro causato dall’alluvione. Da Ostra a Sassoferrato, passando per Barbara e tanti altri piccoli comuni dell’Anconetano, centinaia di giovani e adolescenti si sono armati di stivali e pale e senza paura si sono messi al lavoro. La stragrande maggioranza di loro ignora chi fossero gli “angeli del fango” di Firenze, tanto che restano sorpresi e in parte compiaciuti quando gli si racconta quello che accadde nel 1966 in Toscana. “È nostro dovere aiutare in questi momenti, le nostre case e le nostre vite sono state invase dall’acqua e dal fango, ma noi non ci arrendiamo e vogliamo tornare quanto prima alla normalità”, raccontano due ragazze di 17 anni mentre stanno svuotando un magazzino.

    “Noi – spiega una comitiva di cinque giovani – abitiamo a Ostra paese, dove non ci sono stati danni, ma qui a Pianello abbiamo tanti amici e quindi abbiamo ritenuto opportuno scendere e venire ad aiutarli”. Gli schizzi di fango sui loro volti si sono seccati, quando ormai è pomeriggio e nuvole minacciose si affacciano all’orizzonte. “Noi da qua non ci muoviamo e saremo qui a spalare anche domani e nei prossimi giorni”, dice Alexandra che da grande sogna di fare la giornalista. “Restiamo qui – gli fa eco a distanza un altro ragazzo col ciuffo biondo – ma abbiamo bisogno di essere aiutati, così non finiremo mai”.

    Spalano e rimuovono fango ininterrottamente, al punto che nessuno di loro si vede con il cellulare in mano: “in questi momenti bisogna affrontare la realtà vera e non quella dei social”, dice Luca, un adolescente ma con la saggezza di un adulto. Anche se il tam tam della solidarietà, soprattutto tra i giovanissimi, appunto, è corso proprio su whatsapp e altre chat.

    Gli “angeli del fango” marchigiani sono anche tanti ventenni e trentenni che in queste ore, oltre a ripulire, sono di conforto a genitori e soprattutto nonni anziani. Una ragazza biondina con gli occhiali sorregge a fatica un’anziana signora in lacrime.

    Ma tra questi giovani c’è anche chi a sua volta ha bisogno di sostegno, come nel caso di un ragazzo che per un paio di ore è rimasto aggrappato, in Contrada Cave, a un albero, evitando così di essere portato via dalla piena. Per tutta la giornata è stato circondato dall’affetto dei suoi amici. Gli “angeli del fango” marchigiani, oltre ad avere il viso imbrattato, stanno dimostrando anche di avere un cuore grande così. E i primi ad essere fieri di questi giovani sono i loro genitori: “Stanno dando un grande esempio, in strada ci sono anche ragazzini di 12-13 anni, è commovente”, racconta una giovane mamma, mentre cerca di far asciugare i grembiuli della figlia di soli sei anni, appena entrata in prima elementare.
    I bambini sono i più colpiti dal disastro, alcuni girano tra le vie imbrattate cercando il conforto degli adulti o l’obiettivo delle telecamere che hanno raggiunto queste località colpite. “Forse stasera ci vediamo al telegiornale”, si dicono due piccoli amici, che intanto puliscono le biciclette dal fango. 


Fonte originale: Leggi ora la fonte