Storico verdetto nel Regno Unito, smog contribuì alla morte di una bimba

L’inquinamento atmosferico è stato riconosciuto per la prima volta dalla giustizia britannica come un fattore chiave nella morte di una bambina: Ella Kissi-Debrah, uccisa nel 2013 a nove anni di età dall’asma a Londra, secondo quanto stabilito oggi da un coroner della corte londinese di Southwark. Ella, nata da una famiglia di radici africane residente alla periferia sud-est della capitale del Regno, morì dopo essere stata ricoverata ben 27 volte in ospedale in 3 anni. I genitori hanno dichiarato agli inquirenti di non esser mai stati messi a conoscenza di pericoli rappresentati dall’inquinamento per la salute della piccola.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte