Sudan: Al Jazeera, arrestato il nostro corrispondente capo

Nov 14, 2021

  • Condividi l'articolo

     Il capo dell’ufficio di Al-Jazeera a Khartoum è stato arrestato da forze di sicurezza sudanesi come ha annunciato dalla stessa tv panaraba del Qatar il giorno dopo la morte di sei persone uccise in durante manifestazioni in Sudan.
        “Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella casa di Al-Moussalami al-Kabbachi, capo dell’ufficio di Al-Jazeera in Sudan, e lo hanno arrestato”, ha scritto l’emittente su Twitter.
        Il 25 ottobre il Sudan è entrato in un nuovo periodo di turbolenza quando il generale Abdel Fattah al-Burhan, già capo del Consiglio Sovrano, la massima autorità sudanese dopo 30 anni di dittatura del deposto presidente Omar al-Bashir, ha fatto arrestare la maggior parte dei civili con cui condivideva il potere dall’agosto 2019. Quel giorno sciolse anche tutte le istituzioni del Paese e dichiarò lo stato di emergenza. Da quella data, Al-Jazeera ha continuato a seguire le varie manifestazioni ostili al golpe, in particolare trasmettendole in diretta. Il canale peraltro, meno di una settimana fa, aveva anche intervistato il generale Burhan che dal golpe aveva concesso solo due interviste. Giovedì, ignorando le condanne provenienti dai quattro angoli del mondo, il capo dell’esercito aveva deciso di consolidare la situazione confermadosi alla guida del Consiglio sovrano, riformato per l’occasione con l’ingresso di militari e civili apartitici per sostituire quelli che aveva fatto deporre o arrestare.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. Morte del parà per atti di “nonnismo”: assolto il militare

    Rimini. Morte del parà per atti di “nonnismo”: assolto il militare

    La morte del parà Emanuele Scieri non è responsabilità di Andrea Antico, sottufficiale del 7° Reggimento Vega di stanza a Rimini, assolto per non aver commesso il fatto dall'accusa di omicidio volontario. Con la stessa sentenza il giudice per le indagini preliminari...