Tassi fino al 430%, Gdf arresta usuraio a Torino

Condividi l'articolo

(ANSA) – TORINO, 16 NOV – Avrebbe applicato tassi fino al
430% l’uomo finito agli arresti domiciliari con l’accusa di
usura ed esercizio abusivo di attività finanziaria. Secondo gli
investigatori della Guardia di Finanza di Torino che hanno
arrestato l’usuraio al termine di un’indagine coordinata dalla
Procura subalpina aveva tra i suoi ‘clienti’ almeno undici
persone, tra cui alcuni imprenditori, in difficoltà economiche
acuite dalla pandemia, a cui avrebbe prestato denaro ottenuto
dall’esercizio ‘in nero’ di un’attività di rivendita di prodotti
dolciari.
    Nel corso dell’operazione i finanzieri hanno sequestrato anche
circa 76 mila euro ritenuti profitto di reato. Le indagini sono
partite lo scorso febbraio e si sono sviluppate attraverso
pedinamenti e intercettazioni. Le fiamme gialle hanno eseguite
alcune perquisizioni che hanno permesso di rintracciare 27
assegni dati a garanzia dagli usurati, denaro contante per oltre
140 mila euro e nominativi di persone che dal 2018 avrebbero
ricevuto prestiti a tassi usurai dall’indagato. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte