Teatro di Natale, tra Ozpetek, Incontrada e Brachetti

Dic 22, 2021

Condividi l'articolo

 Dalle “Mine vaganti” di Ozpetek al primo Goldoni per Valter Malosti, i mille Arturo Brachetti, Vanessa Incontrada e le risate di Alessandro Siani. E’ il Natale a teatro, con un cartellone di appuntamenti anche per questo lungo week end sotto l’albero.
ROMA – Tra attesi ritorni e grandi riaperture, il Natale a teatro della capitale apre con “Mine vaganti”, la trasposizione in palcoscenico che Ferzan Ozpetek stesso ha tratto e diretto dal suo film del 2010 e che ora riprende la tournée interrotta dalla pandemia con Francesco Pannofino, Iaia Forte e Simona Marchini protagonisti all’Ambra Jovinelli (dal 26 dicembre al 2 gennaio). Ma c’è anche la grande festa per il Parioli che con la direzione artistica di Piero Maccarinelli riapre ufficialmente proprio il giorno di Santo Stefano con il “Mistero buffo” di Dario Fo interpretato da Matthias Martelli (dal 26 dicembre al 9 gennaio). E ancora, Emilio Solfrizzi è al Quirino Gassman con un classico di Molière, “Il malato immaginario”, diretto da Guglielmo Ferro (fino al 9 gennaio), mentre dopo dieci anni Maurizio Costanzo torna a scrivere per il teatro con “Abolite gli armadi, gli amanti non esistono più»”, commedia sui tradimenti nell’epoca dei social, con Pino Strabioli all’Off/Off Theatre (fino al 6 gennaio). Proprio il giorno di Natale torna in scena anche il musical dedicato alla vita di San Francesco d’Assisi, “Forza venite gente”, che nella versione diretta da Ariele Vincenti compie i suoi primi 40 anni all’Auditorium della Conciliazione (dal 25 al 27 dicembre).
MILANO – Sotto l’albero Milano ha (ri)trovato un teatro: lo storico Lirico Gaber (inaugurò nel 1779, un anno dopo La Scala, al tempo Teatro della Cannobbiana), che torna ad alzare il sipario dopo oltre vent’anni e un imponente restauro. Primi protagonisti, Ale e Franz mattatori di risate nel loro nuovo spettacolo “Comincium” (22 dicembre – 9 gennaio). Ma si ride anche al Manzoni con Vanessa Incontrada e Gabriele Pignotta in “Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?”, commedia degli equivoci sull’ossessione della visibilità e la brama di successo (fino al 2 gennaio).
TORINO – Tra macchina di divertimento e farsa nera, sono finalmente in scena “dal vivo” “I due gemelli venezianI” in cui Valter Malosti si cimenta per la prima volta con un testo di Carlo Goldoni. Dopo il debutto in streaming da Venezia lo scorso dicembre, lo spettacolo per le feste è all’Astra nell’adattamento drammaturgico firmato dallo stesso Malosti insieme ad Angela Demattè (fino al 31 dicembre). Per un Natale tutto da ridere, al Gobetti è invece di scena Paolo Nani con “La lettera”, show esilarante, liberamente ispirato agli Esercizi di stile di Queneau, che da oltre venticinque anni diverte il pubblico di tutto il mondo (fino al 9 gennaio).
NAPOLI – Nella città dove le feste a teatro sono una tradizione, debutta proprio il giorno di Santo Stefano al San Ferdinando “A che servono questi quattrini?” di Armando Curcio, una delle più divertenti commedie che resero celebri i fratelli De Filippo, oggi interpretata da Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase, per la regia da Andrea Renzi (26 dicembre – 6 gennaio). E poi anche, al Bellini, “Le cinque rose di Jennifer” di Annibale Ruccello, con Daniele Russo e Sergio Del prete diretti da Gabriele Russo (26 dicembre-9 gennaio). Al Diana è invece di scena Alessandro Siani con il suo nuovo Libertà Live Tour” (fino al 16 gennaio).
TRENTO – Dopo quattro trionfali stagioni in Europa (450.000 spettatori in quasi 400 repliche), Arturo Brachetti riporta in Italia il suo irrefrenabile one man show “Solo, the Legend of quick-change”, spettacolo di Natale al Teatro Sociale (fino al 26 dicembre), che gli dedica anche la mostra “#SoloBrachetti.
Uno, Arturo o centomila”. In scena, un vero e proprio assolo, con oltre 60 personaggi, da protagonisti dei telefilm celebri a Magritte e le grandi icone della musica pop, con grandi classici come le ombre cinesi, il mimo e la chapeaugraphie, ma anche novità come la poetica sand painting e il raggio laser.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte