Temporali e venti forti al centro sud, nevicate al centro

Nov 28, 2021

  • Condividi l'articolo

    Temporali e venti forti al centro sud, allerta arancione per la Calabria e la Campania, nevicate a700-900 metri nel centro Italia e in Sardegna. E’ quanto prevede il bollettino della Protezione civile. Dalla tarda serata di oggi si prevedono venti di burrasca dalla Sardegna, in rapida estensione anche a Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia centro-meridionale. Attese forti mareggiate. Si prevedono, inoltre, nevicate al di sopra dei 700-900 metri su Sardegna, Umbria, Lazio orientale e meridionale, Abruzzo e Molise, specialmente nella prima parte della giornata di domani. Piogge e temporali su Campania, Basilicata e Calabria e anche sulla Sicilia. Sulla base delle previsioni domani è prevista allerta arancione sulla Campania tirrenica e su buona parte della Calabria occidentale. Allerta gialla in Sicilia, sulla Sardegna centro-occidentale, in Basilicata, sui restanti settori di Campania e Calabria, su tutto il territorio di Lazio, Molise ed Umbria e in Abruzzo.

    Temperature più rigide e neve sulle alture intorno a Firenze. Così la Protezione civile della Città Metropolitana segnala neve sui rilievi dell’Appennino tosco-romagnolo sopra i 900 metri, in particolare sul passo della Consuma, tra Firenze e il Casentino. Viene ricordato l’obbligo delle dotazioni invernali, con pneumatici invernali montati o catene a bordo.

    Mare in tempesta e potenti scrosci di pioggia che hanno flagellato l’isola sin da sabato sera hanno isolato anche nella giornata di oggi Capri. Nessun collegamento si è avuto dalla terraferma (né traghetti della Caremar, né aliscafi di Alilauro Cruson, della NLG e Snav), così come faceva prevedere il meteo, e lo stop degli arrivi ha bloccato sui porti di partenza di Napoli e Sorrento gli approvvigionamenti alimentari giornalieri. Anche le edicole sono rimaste chiuse per la mancanza dell’arrivo dei giornali; il personale sanitario e militare che presta servizio sull’isola non ha potuto effettuare il cambio dei turni di servizio non essendoci stato nessun arrivo dalla terraferma.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Il dramma del turismo, a rischio 500mila lavoratori

    Il dramma del turismo, a rischio 500mila lavoratori

    Il crollo del turismo - preda delle restrizioni e delle paure legate al Covid - è uno stillicidio per gli imprenditori, che fanno i conti con bilanci in rosso e fatture da pagare, ma è soprattutto sempre più una condanna per i lavoratori, che in questo settore sono...