Tennis: Sinner, la strada verso Torino è ancora lunga

Ott 4, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 04 OTT – “È stato un anno fantastico che mi ha
    dato più fiducia in campo. Ci sono stati alti e bassi, cosa
    normale alla mia età. Mi alleno sempre sodo, cerco di avere la
    soluzione giusta al momento giusto”. Jannik Sinner ha appena
    vinto a Sofia ed è già in partenza per Indian Wells, “perché
    l’anno non è ancora finito e ci sono ancora dei grandi tornei,
    così a Indian Wells proverò a giocare bene. In questo momento
    posso essere felice, ma allo stesso tempo bisogna anche pensare
    al futuro. Un trofeo in più o in meno non importa, devo essere
    concentrato su quello che viene e migliorare”.
        Intanto la vittoria nel torneo della capitale bulgara permette
    al ragazzo altoatesino di superare Auger-Aliassime, ora staccato
    di 185 punti, e di piazzarsi al decimo posto della Race (nono,
    contando che Nadal ha chiuso la stagione). Davanti a lui, nella
    corsa verso le Finals di Torino, ci sono Hurkacz e Ruud: ma
    Sinner in che condizioni vede i suoi avversari diretti? “Non so
    come stiano gli altri, bisognerebbe chiederlo a loro – risponde
    -. Sicuramente sono tutti in forma, la settimana più importante
    sarà quella di Parigi perché spesso gli ultimi posti si decidono
    lì. Adesso non voglio pensare a che posizione occupo. Sono
    contento della partita di Sofia, perché ho dovuto alzare il
    livello e l’ho alzato. I tornei si vincono così, quando magari
    non ti senti benissimo per alcune partite ma poi ritrovi te
    stesso”.
        Su Torino, per Sinner, è bene tenere in mente che “è ancora
    lunga, tante cose possono cambiare, sperando anche che nessuno
    si faccia male, perché c’è anche il fisico e non è semplice
    giocare tutte le settimane. Intanto, sono contento di far parte
    di questo gruppo, ma non è che tutte le mattine appena mi
    sveglio sia un ‘devo andare lì, devo andare lì’. Mi sveglio per
    migliorare e stare meglio in campo, poi vediamo a fine anno cosa
    esce”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    (ANSA) - TRIESTE, 17 OTT - Dietrofront del Coordinamento dei portuali triestini che, dopo il comunicato diffuso in serata, confermato dalla conferenza stampa tenuta dal leader Stefano Puzzer, è tornato sulla propria decisione sostenendo in un breve messaggio sui...

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - "Un vantaggio di 2-0 non lo vogliamo più, è già la terza volta": lo dice sorridendo Igor Tudor, a Dazn, al termine della sconfitta subita dal Milan a San Siro dopo che il suo Verona era riuscito a conquistare un doppio vantaggio nel primo...