• Terremoto in Papua Nuova Guinea, almeno 2 morti

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 11 SET – Almeno due persone sono morte a causa
    di un violento terremoto, di magnitudo 7.6, che ha colpito oggi
    la Papua Nuova Guinea orientale. Il sisma si è verificato a
    circa 67 chilometri dalla città di Kainantu, ad una profondità
    di 91 km, scrive l’Istituto geofisico statunitense (Usgs).
        L’Usgs ha inizialmente lanciato un allarme tsunami per le vicine
    aree costiere , ma ha poi dichiarato che la minaccia “è ormai
    passata”.
        Il deputato Kessy Sawang ha reso noto che una delle vittime è
    stata travolta da una valanga di fango nel remoto villaggio di
    montagna di Matoko e numerosi feriti sono stati trasportati in
    ospedale in aereo. Ci sono stati “gravi danni” e si teme che ci
    siano altri “feriti e morti” nei villaggi lungo la catena
    montuosa del Finisterre e in alcune aree costiere, ha
    sottolineato Sawang. Si registrano danni agli edifici anche
    vicino alla città di Madang e nell’entroterra.
        Il terremoto è stato avvertito fino alla capitale Port
    Moresby, a circa 480 chilometri di distanza.
        La Papua Nuova Guinea si trova sull’”anello di fuoco” del
    Pacifico, dove si verificano frequenti terremoti. Nella vicina
    Indonesia nel 2004 un terremoto di magnitudo 9.1 ha innescato
    uno tsunami che ha ucciso 220.000 persone in tutta la regione,
    di cui circa 170.000 in Indonesia. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte