Terremoto: Legnini, proroga scadenze beneficiari Cas e Sae

Mag 6, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ANCONA, 06 MAG – Saranno prorogate le scadenze
    per i terremotati del Centro Italia che beneficiano del
    Contributo di autonoma sistemazione (Cas) o di una ‘casetta’ Sae
    (Soluzioni abitative in emergenza). È quanto deciso
    dall’incontro tra il commissario straordinario per la
    ricostruzione sisma 2016, Giovanni Legnini, e il Capo
    Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio.
        Dall’incontro, considerato che l’intesa delle Regioni è stata
    solo recentemente acquisita, e tenuto conto del poco tempo a
    disposizione dei cittadini, è emersa la necessità di stabilire
    nuovi termini per i prossimi adempimenti dei residenti nel
    territorio colpito dal terremoto. La scadenza del 31 maggio per
    la dichiarazione di conferma dei requisiti per il godimento dei
    benefici sarà posticipata, e di conseguenza, sarà valutata anche
    l’opportunità di differire il termine del 30 giugno per la
    presentazione delle domande e dei progetti di ricostruzione da
    parte dei residenti beneficiari di Cas e Sae che non hanno
    impedimenti oggettivi.
        Nei prossimi giorni il commissario Legnini convocherà una
    Cabina di coordinamento, con i presidenti delle Regioni ed i
    rappresentanti dei sindaci, alla quale parteciperà anche il Capo
    Dipartimento della Protezione civile, per assumere le necessarie
    decisioni. Quanto alle modalità di presentazione della
    dichiarazione di conferma dei requisiti per l’assistenza, il
    protocollo tra il commissario e il Dipartimento siglato a
    gennaio 2022 con l’intesa delle Regioni, prevede che si faccia
    ricorso ad una piattaforma telematica messa a disposizione del
    Dipartimento dalla struttura commissariale, e che questa sia
    accessibile con diversi sistemi di identità digitale, dalla Spid
    alla carta d’identità elettronica, alla carta nazionale dei
    servizi, ed ulteriori forme di accesso in via di
    implementazione. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Eni, i due conti per garantire forniture gas

    Eni, i due conti per garantire forniture gas

    L'Eni continuerà a pagare il gas russo in euro, come da contratto. Nell'imminenza della scadenza della fattura di maggio, intorno al 20, e dopo che Gazprom bank ha chiuso i conti correnti su cui gli acquirenti hanno finora pagato le forniture, Eni ha avviato in via...