• ‘Tiziano. L’impero del colore’, docu in sala dal 3 al 5 ottobre

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 21 SET – La vita e lo stile dell’artista, il
    suo temperamento, le sue ambizioni. E poi Venezia, una fucina
    creativa eccezionale capace di accogliere viaggiatori e
    influenze provenienti da tutto il mondo. Esperti, critici,
    studiosi e artisti internazionali raccontano ‘Tiziano. L’impero
    del colore’ nel documentario diretto da Laura Chiossone e Giulio
    Boato e scritto da Lucia Toso e Marco Panichella con la
    supervisione di Donato Dallavalle, una produzione Sky, Kublai
    Film, Zetagroup, Gebrueder Beetz e Arte ZDF, al cinema solo il
    3, 4, 5 ottobre.
        Nel film parlano Amina Gaia Abdelouahab, curatrice
    indipendente e storica dell’arte, co-founder e vicepresidente di
    Progetto A, Bernard Aikema, docente di Storia dell’arte moderna
    all’Università di Verona, Brunello Cucinelli, stilista e
    imprenditore, finanziatore del Foro delle Arti, Francesca Del
    Torre, assistente scientifica all’Istituto di storia dell’arte
    della Fondazione Cini e curatrice per la pittura italiana del
    Rinascimento al Kunsthistorisches Museum di Vienna, Miguel
    Falomir Faus, direttore del Museo Nacional del Prado a Madrid,
    studioso di pittura italiana del Rinascimento e del Barocco,
    Sylvia Ferino-Pagden, curatrice di mostre, in precedenza
    curatrice della Pittura rinascimentale italiana e Direttrice
    della Pinacoteca del Kunsthistorisches Museum di Vienna, Jeff
    Koons, uno degli artisti più influenti e seguiti al mondo,
    Patrizia Piscitello, storica dell’arte, curatrice, responsabile
    Ufficio mostre e prestiti e Curatrice collezioni del Cinquecento
    del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Tiziana Plebani, storica,
    cultrice di Storia moderna all’Università Ca’ Foscari di
    Venezia, Giorgio Tagliaferro, professore associato in Arte
    Rinascimentale all’Università di Warwick con un Ph.D. in Storia
    dell’arte all’Università Ca’ Foscari.
        A comporre le vicende dell’artista anche le indagini sui suoi
    affetti, come quello per l’amatissima figlia Lavinia, e sui
    rapporti con le grandi personalità del suo tempo: il Duca di
    Ferrara Alfonso I; il poeta e intellettuale Pietro Aretino,
    rockstar del Rinascimento; la Marchesa di Mantova, Isabella
    d’Este, l’imperatore Carlo V, il Papa Paolo III, il re di Spagna
    Filippo II, il “rivale” Jacopo Tintoretto. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte