Trasporto aereo, sciopero low cost. Pochi voli cancellati

Giu 25, 2022

Condividi l'articolo

Non si registrano disagi per i passeggeri negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino per lo sciopero di 24 ore del personale di cabina delle compagnie aeree low-cost Ryanair, EasyJet, Volotea e Malta Air. L’attività operativa nei due scali romani è pertanto al momento regolare. Terminata alle 10 la prima delle due fasce orarie protette di tre ore ciascuna, la seconda sarà dalle 18 alle 21. 

Sciopero aerei, pochi voli cancellati all’aeroporto di Roma

EasyJet ha cancellato “alcuni voli” già nei giorni scorsi in vista dello sciopero di oggi per “limitare i disagi e consentire ai passeggeri impattati di riprogettarsi sui voli disponibili”. Lo afferma un portavoce della Compagnia. Da quanto risulta i lavoratori di EasyJet aderiscono alla protesta indetta dalla Uil Trasporti, in contemporanea con quella europea che riguarda tutte le compagnie low-cost. “Dopo la prima azione di sciopero svoltasi l’8 giugno scorso, che ha coinvolto numerosissimi operatori – si legge in una nota della Uilt – si è resa necessaria una nuova azione di protesta visto il perdurare delle inaccettabili condizioni in cui piloti e assistenti di volo sono costretti a lavorare”. Continua l’azione di lotta per protestare contro la compressione dei diritti dei lavoratori culminata in licenziamenti ingiustificati, contro la mancanza di solidità operativa e il totale degrado delle relazioni industriali, a danno di passeggeri e equipaggi, in una stagione già molto complicata per il Trasporto Aereo che cerca di riprendersi.

In Volotea – continua la Uiltrasporti – la protesta continua contro l’atteggiamento aziendale che lede i diritti dei lavoratori per il mancato adeguamento delle retribuzioni minime secondo l’art.203 e per le numerose azioni unilaterali con un ulteriore abbassamento dei salari giustificato da accordi individuali e pseudo-volontari. A questo si aggiunge una totale inadeguatezza dei turni di lavoro con operativi molto intensi che non fanno certamente pensare alla crisi aziendale per la quale si chiedono continui sacrifici ai lavoratori.

Sempre oggi – prosegue il sindacato – scioperano anche i lavoratori di Ryanair con una protesta di 24 ore. Queste manifestazioni di disagio sono la prova che il modello imposto in questi anni da molti vettori ed operatori del trasporto aereo non è modello sostenibile dal punto di vista lavorativo e va assolutamente rivisto per garantire a tutti gli operatori del settore adeguati standard di qualità e sicurezza”. 

   


Fonte originale: Leggi ora la fonte