• Tullio Avoledo a Pnlegge, ‘è un mondo storto, correggere rotta’

    Condividi l'articolo

    “È un mondo storto, e credo sia il tempo di correggere la rotta”. A dirlo è Tullio Avoledo, ma potrebbero tranquillamente essere parole di Sergio Stokar, il protagonista del suo romanzo “Non è mai notte quando muori” (Marsilio) presentato a Pordenonelegge. Il libro, una commistione di noir e fantascienza che si sposta in tutto il globo, è stato scritto per “superare la claustrofobia che abbiamo vissuto durante il lockdown. Volevo tornare a viaggiare”. E a proposito di viaggi, l’ultimo compiuto da Avoledo prima della pandemia lo aveva portato proprio in Cina: “Le guide stampate tre mesi prima già non erano più valide: un vecchio mercato era stato trasformato in un complesso di boutique. Non sono mai stato trattato con tanta arroganza e poco rispetto come in quel paese da una persona in divisa. È una nazione moderna, evoluta, economicamente forte, ma il rapporto tra paese e cittadino – se si può parlare di cittadino – è quello di un’autocrazia”. “Si rinuncia al passato, e c’è una scarsa sensibilità per esigenze base della popolazione. Quel modello purtroppo – conclude – sta diventando dominante anche qui. Io sono impegnato da anni per difendere il Tagliamento, minacciato da progetti che sono una costola della via della seta: tutto diventa piattaforma logistica, tutto diventa autostrada”.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte