Turismo: da metaverso a viaggi insoliti, torna a Firenze BTO

Condividi l'articolo

(ANSA) – MILANO, 23 NOV – Le nuove forme di turismo, dal
Metaverso alle mete insolite, alle permanenze di medio-lungo
periodo: saranno queste le protagoniste della 14/a edizione di
BTO – Be Travel Onlife, la manifestazione dedicata a innovazione
e turismo, in programma alla Stazione Leopolda di Firenze
martedì 29 e mercoledì 30 novembre.
    Cento saranno gli eventi tra approfondimenti, workshop e
speech futuristici per conoscere le nuove tendenze su tecnologia
applicata al travel, destinazioni, professioni, modi di
viaggiare. Parola chiave è Metatourism: nello spazio espositivo
i visitatori troveranno le istallazioni futuristiche di La
Jetée, a partire dal colonnato ‘parlante’ di realtà aumentata e
gli speaker virtuali, a grandezza naturale. In fiera ci sarà
anche una ‘Meta-BTO’.
    Realizzata da Carraro Lab, una sperimentazione inedita della
sinergia phygital tra eventi fisici e virtuali: mentre sul palco
si terrà l’intervento inaugurale, nel grande schermo ci sarà un
duplicato virtuale della Leopolda, con avatar e ambienti 3D che
interagiscono con i partecipanti reali.
    Una parte della mostra virtuale è dedicata alle linee guida
della Commissione Europea, con le citazioni delle prese di
posizione di Ursula Von Der Leyen e del commissario Thierry
Breton, per stimolare un approccio al Metaverso etico, legale,
sicuro, non monopolistico. Una seconda area espositiva 3D sarà
dedicata al Metaverso Turistico, evoluzione immersiva del
viaggio reale.
    I partecipanti potranno poi visitare, sotto forma di avatar,
la rassegna nel Metaverso in modalità cross-device da pc,
smartphone e visori VR: una case history che servirà da
apripista per le applicazioni del Metaverso al turismo Mice.
    Sarà un’edizione votata alla sostenibilità: dagli
allestimenti di ecodesign, con materiali a basso impatto e
attenzione alla modalità di smaltimento, agli sconti per la
mobilità sostenibile, BTO sarà interamente plastic free. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte