Tv: Blanca, fiction evento tra disabilità e energia travolgente /VIDEO

Nov 18, 2021

  • Condividi l'articolo

    “Blanca va avanti come un treno come se non avesse alcun tipo di disabilità. Quando qualcosa dell’ambiente circostante attira la sua attenzione è come se lei entrasse in una “stanza nera”, in cui isola il suono prodotto da una cosa o una persona”, spiega Maria Chiara Giannetta. “Una sfida che capita di rado nella carriera di un attore. Ho avuto la fortuna di incontrare il maestro Bocelli. Mi ha aperto a un mondo totalizzante”, sottolinea. ‘Blanca’ è la nuova fiction fuori dagli schemi interpretata dall’attrice e da Giuseppe Zeno, in arrivo dal 22 novembre su Rai1 in sei prime serate. Presentata negli studi Rai di via Asiago, con la performance live dei Calibro 35, alla presenza dei direttori di Rai Fiction Maria Pia Ammirati e di Rai1 Stefano Coletta, con tutto il cast (compreso un grande protagonista che farà innamorare il pubblico il cane guida Linneo, un bulldog femmina che protegge la giovane e la consola nei momenti più difficili). ‘Blanca’ è ispirata al romanzo omonimo di Patrizia Rinaldi e segue le vicende di una giovane donna che ha perso la vista all’età di 12 anni, a causa di un incendio in cui è morta la sorella. È entrata in polizia e oggi è consulente a Genova. Blanca è specializzata in décodage, ossia l’ascolto analitico di tutti i materiali audio delle inchieste, come ad esempio intercettazioni e interrogatori.
    Prodotta da Luca e Matilde Bernabei per Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction, la serie è diretta da Jan Maria Michelini (affiancato da Giacomo Martelli per gli episodi. 4-6) ed è stata realizzata con la consulenza artistica di Andrea Bocelli: il maestro non solo ha descritto agli sceneggiatori il ‘mondo dei non vedenti’, ma ha fatto anche un piccolo training alla protagonista: “sono stata a casa sua – conferma – l’ho visto scendere di corsa una rampa di scale. Andrea Bocelli mi ha detto che non c’è niente che un non vedente non possa fare”.
    Inoltre è la prima serie al mondo realizzata con l’utilizzo dell’olofonia, una speciale tecnica di registrazione del suono che permette di riprodurlo in modo simile a come viene percepito dall’apparato uditivo dell’uomo. Vedremo inoltre una Genova, bella e grigia, dove Blanca porterà colore con i suoi vestiti variopinti, la musica funk dei Calibro 35, che ascolta a volume altissimo anche per strada, e l’energia travolgente. “Genova – spiega Jean Michelini – era la cornice perfetta per un crime, è una città profondamente multietnica, colorata, con grandissime diversità, i vicoli, il porto. Abbiamo girato a Camogli, una città colorata che ti riporta ad una dimensione romantica come la personalità di Blanca”.
    Ogni episodio è incentrato su un caso giallo con un’ambientazione legata a Genova e racconta uno specifico ambiente sociale, nel primo si parla anche del Ponte Morandi ma anche delle conseguenze economiche vissute da alcuni cittadini costretti a chiudere le loro attività, quartieri abitati da ceti diversi, rivelando il carattere multiforme di questa città, ancora poco esplorata dalla fiction televisiva. Oltre ai gialli, la serie racconta la vita di Blanca, attratta e divisa tra due uomini, il collega Liguori e l’amico Nanni un giovane chef (Pierpaolo Spollon), il suo rapporto con Lucia, figlia dodicenne della vittima del primo caso di puntata, e con il padre. Nel cast Enzo Paci il pigrissimo commissario Bacigalupo, che aspetta solo di andare in pensione.
    Giuseppe Zeno che è l’ispettore Liguori spiega: “All’inizio guardavo Maria Chiara in modo sbagliato, poi Jean mi ha detto non ti devi preoccupare lei non ti vede. Il mio ispettore è diverso dagli altri per il modo di agire, per il tipo di risolutezza, per il suo essere un cane sciolto. E’ un poliziotto, quasi rassegnato ai mali del mondo, convinto che è impossibile salvare tutti. Un uomo che fatica ad aprirsi all’amore. Grazie a Blanca, però, in Liguori scatta una molla nel momento in cui lei le fa una sola domanda cosa ci stai a fare qui?”.
    Luca e Matilde Bernabei fanno notare: “abbiamo fatto un prodotto che avesse appeal per il mercato internazionale. La Lux sta distribuendo direttamente questa serie all’estero. Andrà in onda in Francia e stiamo chiudendo in Spagna.
    Ammirati ricorda: “Blanca è uno dei primi progetti che ho visionato quando sono arrivata a Rai Fiction. La forza del racconto popolare di Rai 1 è quello di captare tutti i punti di vista, anche quando si parla di disabilità”. La lezione fondamentale trasmessa da Bocelli è stata quella di affrontare le sfide di ogni giorno con spirito “combattivo”, lottando per vivere una condizione di “normalità”, ricordando, ad esempio, che sin da bambino imparò ad andare in bicicletta e a cavallo e, da adulto, addirittura a lanciarsi con il paracadute. La prima puntata da 100′ in anteprima su RaiPlay da sabato 20 novembre


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Addio al doppio mandato. L’ultima giravolta dei grillini

    Era l'ultimo tabù, l'unico residuo dell'ideologia pentastellata che ancora restava in piedi dopo l'apertura al finanziamento pubblico ai partiti. Ora anche il tetto ai due mandati per gli eletti grillini verrà superato. Ma non formalmente, perché l'idea non piace...

    Pedopornografia: ex sacerdote 73enne arrestato a Brindisi

    Pedopornografia: ex sacerdote 73enne arrestato a Brindisi

    (ANSA) - BRINDISI, 27 NOV - Un ex sacerdote 73enne è stato arrestato in flagranza di reato da uomini delle sezioni di polizia postale di Brindisi e Lecce perché trovato in possesso di un ingente quantitativo di immagini e video pedopornografici ritraenti bambini e...