Uccide connazionale romeno e poi trasporta cadavere su scooter

Giu 18, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – NAPOLI, 18 GIU – Avrebbe ucciso il suo connazionale,
    poi avrebbe legato il cadavere collocandolo in una busta di
    plastica e lo avrebbe trasportato a bordo del suo scooter per
    poi abbandonare il corpo in un terreno del comune di Scisciano,
    in provincia di Napoli. Il gip del Tribunale di Nola ha
    convalidato il fermo emesso dal pm, ed eseguito dai Carabinieri
    del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della
    stazione di San Vitaliano, nei confronti di un romeno di 48
    anni, Florin Sitariu. E’ gravemente indiziato dell’omicidio del
    connazionale 54enne Georghe Paraschiv, trovato cadavere nelle
    campagne di Scisciano il 4 giugno scorso, occultato all’interno
    di sacchi di plastica e legato.
        Le indagini – spiegano i Carabinieri – hanno consentito di
    documentare, anche attraverso i numerosi filmati di
    videosorveglianza acquisiti che Sitariu, dopo essere stato in un
    negozio di Nola insieme a Georghe Paraschiv, il 2 giugno si era
    recato in compagnia della vittima presso la propria abitazione a
    Scisciano alla guida di uno scooter a lui in uso. Dopo quel
    momento, Paraschiv non è stato più visto vivo. Le indagini
    proseguono per raccogliere ulteriori indizi che possano far
    piena luce sul caso, in particolare sul movente. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

    La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

     La Corte Suprema targata Donald Trump riscrive la storia dell'America e manda in pensione il diritto all'aborto, regalando ai conservatori una vittoria che agognavano da anni. Lo fa fra le proteste, le critiche e il crescente scetticismo degli americani: solo...

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Non solo l'aborto e le armi. Con una Corte suprema dominata da una maggioranza di sei giudici conservatori - di cui tre nominati da Donald Trump - sono a rischio altri diritti e valori fondamentali, dal clima alla religione e al voto. Il nuovo banco di prova...